Visitare Taba

Taba, la nuova regina del mare d’Egitto
Montagne color cannella che si colorano di rosso e brillano all’alba, per poi allungarsi in un mare azzurro e corallino. Dimenticate Sharm el Sheik, la meta egiziana più in voga del momento si chiama Taba. Sulla cartina non è altro che una catena montuosa, accoccolata tra Africa e Asia, in fondo al Golfo di Aqaba, sul Mar Rosso. Una porzione di Sinai che dista circa 200 chilometri da Sharm e 20 da Eilat, così da affacciarsi direttamente su Israele, Giordania e Arabia Saudita.
Taba (in Arabo طابا, Al-Jumhutiya Misr al-Arabiya) è una località egiziana situata all’estremità settentrionale del Golfo di Aqaba e del confine con lo Stato di Israele (oltre ad essere la località balneare più a nord della costa del Mar Rosso): rappresenta infatti il punto più praticato per il passaggio tra le due nazioni israeliana ed egiziana. Taba è località balneare molto frequentata da Egiziani e stranieri, tra cui specialmente i turisti che provengono da Israele per un weekend o per una breve vacanza.

Non aspettatevi di trovare una cittadina, o un villaggio beduino: Taba non è in realtà che un lungo tratto di costa affacciato sul Golfo di Aqaba, che si snoda tra il confine israelo-egiziano fino a circa 30 km a nord di Nuweiba.

La maggior parte degli hotel di Taba si trovano direttamente sul mare: tra le strutture presenti nella località, spicca per dimensioni e notorietà il Taba Heights, che si annida sulle pendici delle coloratissime montagne del Sinai e gode di una vista spettacolare sul Mar Rosso e sulla Giordania; è un complesso che riunisce hotel a 4 o 5 stelle di catene internazionali, una marina per escursioni in barca, un campo da golf che si affaccia sul Mar Rosso e uno dei casinò più visitati della zona.

A Taba troverete un’ampia gamma di sport nautici e attività correlate alle escursioni in mare (windsurf, catamarano, escursioni in barche con il fondo in vetro, e altre); da un punto di vista subacqueo, Taba offre la possibilità di effettuare immersioni sulla barriera corallina presente nella zona che però, pur offrendo a subacquei e snorkelisti l’incontro con numerose specie animali (tartarughe, ballerine spagnole, mante, e molte altre specie) e vegetali e i fantastici colori che caratterizzano tutto il Mar Rosso, non si colloca tra le destinazioni più ambite dagli amanti del mondo sommerso, benchè dia la possibilità, rispetto ad altre zone, di effettuare immersioni ricreative in coppia senza guida, data la conformazione dei siti.

La zona di Taba, inoltre, si trova posizionata su un crocevia di storia e cultura, ed è pertanto un luogo ricco di punti di interesse naturale e di testimonianze storiche da visitare. Taba dispiega infatti un’imponente catena montuosa e dà la possibilità di esplorare il deserto circostante: qui il Sinai ha una topografia sorprendente, un caleidoscopio di colori e percorsi affascinanti da vivere in fuoristrada , quad, in un safari nel deserto, o sui percorsi di trekking che si trovano nella zona. Inoltre, grazie alla sua posizione strategica, da Taba sono raggiungibili con escursioni di breve durata molti luoghi di sicuro interesse: il Canyon colorato, un sentiero, stretto fra pareti di arenaria,striate di delicati gialli, viola, rossi, magenta e oro; il Monastero di Santa Caterina, con le sue innumerevoli opere d’arte; l’Isola dei Faraoni, dove Crociati, Ottomani, e altri popoli si sono insediati nell’imponente fortezza del XII° secolo; e, naturalmente, l’antica città nabatea di Petra, in Giordania, o la Città Santa di Gerusalemme.

da Amounegiziano.forumfree.it

Leave a Reply