Visitare la Viterbo medioevale la Tuscia dei Papi

La Tuscia dei Papi

Viaggio nella storia tra sacro e profano della Viterbo medioevale dai molteplici volti. Tuscia e dintorni per un tuffo nelle suggestive cittadine dei Papi.

Gioiello nel cuore della Tuscia, Viterbo è una provincia ricca di storia e paesaggi che unisce in sé quattro grandi civiltà: etrusca, romana, medioevale e rinascimentale. Famosa per le sue terme naturali,  è stata a lungo rifugio dei Papi, la cui presenza è a tutt’oggi testimoniata dalla magnificenza architettonica. Mondi da scoprire in una sola cittadina e nei suoi caratteristici dintorni:  dal giardino di Bomarzo a Caprarola, da Bagnaia della splendida Villa Lante fino a Tarquinia. E ancora le tombe di Tuscania, Vulci, la medievale Sutri, la civica splendidissima di Ferento e l’incomparabile borgo sospeso di Civita di Bagnoregio – la città che muore – raggiungibile a piedi attraverso  il ponte mozzafiato che la separa dalla terraferma.

Racconti di civiltà, tradizioni e simboli di un regno silenzioso.Viterbo è davvero una città a misura d’uomo:  la fiorente Piazza del Duomo, con le sue imponenti scale, rievocala la magnificenza di un tempo passato. Sede di Cinque Papi, prima guelfa e poi ghibellina, con buona pace del detto “Ubi est Papa, ibi est Roma”, questa cittadina ha ben impressa la sua identità storica. Le devastazioni della Seconda Guerra Mondiale sono riuscite straordinariamente a non mutare quell’assetto elegante e raffinato che si racchiude in  luoghi tipici quali la suggestiva Piazza San Lorenzo dall’imponente campanile  o il quartiere San Pellegrino, indubbiamente il più caratteristico. Il meraviglioso portico di Palazzo degli Alessandri è solo un esempio delle residenze signorili,del tempo, con caratteristiche comuni a Palazzo Chigi o Palazzo Farnese. Nella zona laica il Palazzo dei Priori e il Palazzo del Podestà, uniti metaforicamente dal Leone- simbolo della civiltà della Tuscia- si chiudono nel polo sacro di Piazza San Lorenzo.

Viterbo ci racconta con i suoi edifici quasi otto secoli di storia, rievocando un medioevo da fiaba dove letterati, pontefici, santi sono stati determinanti per ciò che ora resta di questo splendido luogo ricco di tesori inestimabili.  Il tipico materiale dei monumenti è la pietra peperina, di cui potrete vedere incantevoli esempi nel Ponte del Duomo come nelle case dei quartieri medievali. Le suggestive fontane dalla tipica forma affusolata, tra cui ricordiamo la Fontana Grande o quella del Rione Scarano, sono solo uno degli elementi distintivi di un luogo che racchiude storia e mistero trasportandovi nel mondo leggendario della Middle Age.

Leave a Reply