Visitare il Costa Rica

Il Costa Rica è ancora uno stato quasi sconosciuto, il turismo ha iniziato solo da qualche anno a scoprire le bellezze naturali qui custodite. Forse si tratta, come qualcuno afferma, della Svizzera del Centro America. E’ proprio la sua tranquillità socio-politica, una rarità nel panorama latino americano, a garantire, insieme ad un buon livello igenico-sanitario ed un ambiente naturale accuratamente protetto, quella sicurezza che i turisti si aspettano da un paese straniero; certamente il Costa Rica, è un angolo felice e una giovane ma consolidata democrazia.

Pur essendo un paese piccolo offre una grande varietà di scenari suggestivi. Con una costa affacciata sul Pacifico e l’altra sul Mar dei Caraibi, non si registra carenza di spiagge; inoltre in Costa Rica esiste una delle foreste pluviali più belle del mondo, con aspetti insoliti come vulcani attivi e parchi nazionali con una flora e una fauna davvero incredibili.

Il clima è ovunque tropicale; tuttavia si differenzia a seconda delle zone: caldo-umido equatoriale sulla costa caraibica con temperature più fresce sui rilievi, mentre sul versante pacifico si distinguono una stagione secca (dicembre-maggio) e una più piovosa nel resto dell’anno. Il modo migliore per visitare il Paese sarebbe quello di prendere una macchina a noleggio, altrimenti si possono utilizzare i treni e gli autobus che coprono praticamente l’intero territorio. Il Costra Rica non è un paese particolarmente ricco di città e monumenti interessanti: qui a far da padrona è la natura selvaggia ed autentica. Dalle coste sabbiose dei dintorni della capitale, alle piantagioni di caffè e banane, alla foresta lussureggiante, alle montagne, ai vulcani, la natura è ancora incontaminata.

Dal confine con Panama fino a nord ci sono 200 Km di sabbia, insenature, lagune e acqua cristallina. Il verde si impone invece nei due parchi naturali del Tortuguero e della Barra de Colorado, due paradisiache foreste pluviali che ospitano una vegetazione e una fauna già molto nota agli studiosi e agli appassionati di natura. Tra le altre riserve naturali di grande fascino vi segnaliamo quella di Cahuita, una zona che ingloba in se tratti di barriera corallina e vulcani come il Poas, l’Arenal e L’Irazù. La costa pacifica si estende per circa 400 Km con un litorale variegato e con un clima migliore rispetto all’altro confine. Il grande pericolo che questo splendido paese corre è che il turismo, finalizzato al solo denaro, possa modificare quelle leggi che fino ad oggi hanno mantenuto intatto lo stato della natura.

Per raggiungere il Costarica non essendoci rotte dirette dall’Italia ci si può avvalere solo di voli internazionali con scalo. I principali scali europei sono Francoforte e Londra. Altrimenti è necessario fare scalo nei maggiori aeroporti internazionali degli Stati Uniti.

Veronica da ilturismo in Italia

Leave a Reply