Verona in Love 2011

Si apre Verona in Love Attesi 50mila visitatori
Lo scorso anno si sono registrate oltre 5.000 presenze legate esclusivamente alle iniziative per il 14 febbraio
Da sabato a lunedì si celebra il mito di Giulietta e Romeo In Bra un bacio lungo un minuto e tre giornate di appuntamenti

Due giovani passeggiano in via Mazzini sotto i cuori appesi, simbolo di Verona in Love. L’appuntamento ritorna a partire da sabato fino a lunedì
Un bacio lungo 60 secondi sulla scalinata di Palazzo Barbieri, per l’occasione illuminata di rosso, per rendere omaggio al mito di Giulietta e Romeo, la coppia di innamorati che ha reso celebre Verona in tutto il mondo grazie ai versi immortali di Shakespeare. «Un cuore di baci», in programma domenica alle 18,15 è una delle novità della settima edizione di «Verona in love», presentata ieri nella Sala Arazzi del municipio dall’assessore alla cultura e al turismo Erminia Perbellini. L’evento, legato al tema dell’amore, prevede una serie di iniziative che si snoderanno in vari punti della città dal 12 al al 14 febbraio.
La manifestazione, legata alla ricorrenza di San Valentino, patrono degli innamorati, è promossa da Comune di Verona, Provincia, consorzio Verona Tuttintorno con il patrocinio della Regione Veneto e la partecipazione di Confcommercio, Agsm, Banca Popolare, Teatro Stabile, Teatro Impiria, Club di Giulietta, Conservatorio Dall’Abaco, Fidas e Società Belle Arti. L’assessore sottolinea «l’importanza di un appuntamento di prestigio che ogni anno si arricchisce di iniziative ed eventi per tutti gli innamorati che si trovano a Verona in questi giorni particolari. Per la nostra città», aggiunge l’assessore, «si tratta anche di un’occasione per la promozione del territorio e di rilancio per la nostra economia». A tale riguardo, la Perbellini fa notare che scadendo quest’anno di lunedì il giorno 14 febbraio, San Valentino, «molti turisti e visitatori potrebbero rimanere in città anche la settimana dopo la fine delle manifestazioni». Secondo Stefano Danieli, di Verona Tuttintorno l’anno scorso «Verona in love» aveva portato in riva all’Adige circa cinquemila turisti. «Persone cioè», sottolinea, «venute appositamente nella nostra città perché attratte dal programma di eventi». E per incentivare i viaggiatori, le Ferrovie tedesche hanno dato vita ad una particolare promozione: con 9 euro a coppia è possibile raggiungere Verona da qualsiasi località.
La scorsa edizione di «Verona in Love» aveva attirato tra le mura scaligere circa 50 mila presenze italiane e straniere. Un successo superiore alle più rosee previsioni, capace di riempire gli alberghi del centro in una stagione decisamente «bassa» e di far registrare il tutto esaurito in ristoranti e bar. Ma nel 2010, c’era un valore aggiunto, la mostra «Corot e l’arte moderna» in Gran Guardia, dove, nei giorni di «Verona in love» c’era stato uno dei momenti di massimo afflusso. Raggiungere gli stessi livelli dell’anno scorso, quindi sarà più difficile.
Durante le tre giornate si potrà entrare gratuitamente alla Casa e alla Tomba di Giulietta, mentre le coppie che vorranno salire sulla Torre dei Lamberti, per godersi lo spettacolo di Verona dall’alto, pagheranno un biglietto unico. Anche la torre, per l’occasione, sarà illuminata di rosso, «il colore dell’amore che quest’anno rivestirà anche Palazzo Barbieri e la Gran Guardia» sottolinea il presidente di Agsm Paolo Paternoster. Grazie all’apporto dell’azienda di lungadige Galtarossa, il centro storico sarà caratterizzato, come nelle scorse edizioni, dalle «luminarie d’amore» da piazza Bra alla Casa di Giulietta. E.S.

da LArena.it