Venezia : Biennale e turismo

Biennale e turismo, una settimana d’oro per Venezia
Alberghi esauriti, incassi in aumento per Actv e oltre quattromila visitatori nei primi due giorni di apertura della grande Mostra d’arte

di Enrico Tantucci

Venezia ponte dell'accademia 09Una settimana d’oro per il turismo a Venezia grazie alla Biennale. Per i primi due giorni di apertura al pubblico – sabato e domenica – del Palazzo Enciclopedico, la Mostra internazionale di Arti Visive curata da Massimiliano Gioni e per visitare i padiglioni stranieri si sono presentati ai Giardini e all’Arsenale ben oltre i 4 mila visitatori, con ressa e lunghe code, anche se la fondazione renderà noti solo oggi i dati ufficiali. Ma è stata tutta la città – disagi a parte per i residenti per la circolazione tra le calli e sui vaporetti per il grande afflusso – a beneficiare per ciò che riguarda la sua parte turistica della Biennale, che come sempre fa da “calamita”, provocando intorno a sé e in tutta la città l’organizzazione di un centinaio di altre mostre ed eventi, che richiamano in laguna quel pubblico internazionale ad alto potere d’acquisto e disposto a fermarsi per qualche giorno, che è adorato dagli albergatori veneziani.

«Dal 28 maggio al 2 giugno – conferma il direttore dell’Associazione veneziana albergatori Claudio Scarpa – gli alberghi a Venezia sono stati praticamente esauriti, con prezzi da altissima stagione. Per i prossimi giorni la pressione è diminuita e i prezzi scenderanno, ma sempre con un buon numero di prenotazioni. Ma l’aspetto veramente positivo è che con la Biennale in questi giorni il turismo in città ha presentato un volto diverso e nonostante l’affollamento, si vive nell’atmosfera di una grande capitale della cultura. Il nuovo assessore alla Cultura e Turismo Angela Vettese che abbiamo già incontrato, vuole finalmente coniugare i due aspetti e noi siamo con lei».

Ma la Biennale – soprattutto quella d’Arte – è “benedetta”, anche dall’Actv, che nel 2012 ha incassato circa 8 milioni di euro in meno dalla bigliettazione turistica e che in questa settimana invece ha fatto il pieno, a parte il Vaporetto dell’Arte che, per i suoi costi troppo elevati per i passeggeri, sembra non riuscire proprio a decollare, visto che anche nei “suoi” giorni, viaggiava semivuoto. «Non abbiamo ancora dati definitivi sugli incassi – conferma il presidente di Avm, la holding della mobilità veneziana, Marcello Panettoni – ma il bilancio è sicuramente molto buono con un notevole incremento della bigliettazione turistica in questa settimana, grazie anche alle biglietterie “volanti” che, in accordo con Alilaguna, abbiamo istituito anche in altri punti in città, per aumentarne il numero ed evitare le code. Anche sul piano dei mezzi bis si è fatto il massimo per cercare di reggere al meglio all’impatto turistico supplementare provocato dalla Biennale».

L’altro business turistico – oltre a quello di negozi e pubblici esercizi – che ha ricavato un notevole indotto dalla presenza del pubblico legato alla Biennale calato a Venezia è quello dei servizi collegati. Taxi praticamente introvabili e a caro prezzo. Grande lavoro per le imprese di trasporto e di allestimento e affari d’oro per chi ha affittato palazzi o spazi pubblici o privati per ospitare esposizioni, che in buona parte seguiranno il ritmo della Biennale e proseguiranno dunque fino in autunno. Per quanto riguarda invece la Biennale stessa, è già cominciata la «corsa» all’autosufficienza economica della manifestazione, che grazie alle entrate proprie – tra sponsor, incassi e altri servizi aggiuntivi – potrebbe riuscire a coprire interamente i propri costi, al netto del finanziamento pubblico. Per la imminente Mostra delle Arti Visive l’investimento complessivo è di circa 13 milioni di euro, ma Baratta ha già annunciato in occasione della sua presentazione che è già «coperta» per ben 11,9 milioni, che comprendono le sponsorizzazioni, i proventi della bigliettazione valutata sulla precedente edizione, forte di 450 mila presenze. Un dato che lo stesso presidente della Biennale considera prudenziale.

da nuovavenezia.gelocal.it

Leave a Reply