Quando un faro diventa meta turistica

Vacanze in un faro, relax assicurato

Markez

Affittasi faro per una piacevole e tranquilla vacanza. Fra un pò forse sarà possibile in Italia concedersi il giusto relax in quello che prima era un luogo destinato ad indicare la terraferma alle imbarcazioni specie nelle notti di tempesta. In alcune località europee è già possibile farlo: per esempio in Croazia, ad Umago, dove affittare un faro costa 600 euro alla settimana.

Il faro come attrazione turistica a quanto pare rende bene nei paesi d’oltralpe. Molte di queste costruzioni, in Italia sono ancora di proprietà militare e quindi bandite ai civili.

Ma ancora non per molto. Oggi infatti sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato un elenco di 61 beni di proprietà della Difesa messi in vendita: tra questi ci sono tante caserme, ma anche nove fari ed un’isola.

Si tratta di edifici di grande pregio dal punto di vista artistico ed architettonico, ma che non rispecchiano più le attuali esigenze della Difesa. Adesso ci sono meno militari e, dunque molte strutture ormai possono essere dismesse e vendute.

Ovviamente questo è anche un escamotage per rimpinguare le casse dello Stato, visti i tempi che corrono, ma potrebbe essere anche un’opportunità per investire nel settore turistico-alberghiero, comparto appetibile per gli investitori, date le bellezze naturali del nostro territorio. I fari, in questo momento sono l’oggetto su cui è puntata l’attenzione, visto il successo riscosso nell’est europeo.

La Difesa ha messo in vendita quelli di Capo Rizzuto a Crotone, Capo Trionto a Rossano, il Faro della Guardia sull’isola di Ponza, Capo Molini ad Acireale, Punta libeccio sull’isola di Favignana, Capo Milazzo a Milazzo, Punta Spadillo a Pantelleria, Capo Faro a Santa Maria Salina, Scoglio Formica Maggiore a Grosseto.

Ma la Difesa vende anche un’isola: quella di San Paolo, nel golfo di Taranto.  La maggior parte degli immobili in vendita è costituita comunque da caserme: la Gandin, la Medici, la Ruffo, la Piccinini, nonchè l’ex Forte Trionfale e parte del Forte Boccea, tutte a Roma.

In vendita anche una parte dell’Arsenale di Venezia, l’ex carcere militare di Palermo, un ex convento  a Roma, e il Castello Svevo di Brindisi. Parecchia carne al fuoco per chi vuole investire.

da PALERMO.BLOGSICILIA.IT

Leave a Reply