Categorie
ultime notizie vacanze

Le vacanze di lusso di Fiorito e la ex Samantha Reali

Le vacanze da nababbo di Fiorito con la ex. Dal Danieli a Venezia alla suite alle Maldive

“Per il mio primo compleanno insieme, il 20 giugno 2006, Franco Fiorito mi ha portato a Capri, al Quisisana (hotel extralusso, i prezzi in suite arrivano fino a 4.375 euro per una notte, ndr). Noi avevamo una suite. Era il nostro primo viaggio e lui aveva dichiarato tutto il suo amore per me. Amava pasteggiare con ostriche e champagne. Precisamente champagne rosé, il suo preferito. Quello non mancava mai”.

È la prima delle rivelazioni sulle vacanze da nababbi che faceva con Franco Fiorito, l’ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio, che Samantha Reali, la sua ex fidanzata, consegna a “Chi” in un’intervista che appare, insieme con alcune fotografie dei loro viaggi, nel numero in edicola mercoledì 24 ottobre.

“Dopo Capri siamo stati per il Capodanno 2006 all’hotel Danieli, a Venezia”, continua la Reali. “Poi l’estate successiva all’hotel San Pietro di Positano che era il nostro posto preferito, ci andavamo tutte le volte che avevamo due giorni liberi. Poi ancora viaggi a Berlino, relax all’hotel Pitrizza, in Costa Smeralda, un altro Capodanno a Londra, di nuovo al San Pietro, eccetera. Ma il viaggio più bello, sicuramente, è stato quello che ci siamo regalati per il Capodanno 2010 alle Maldive. Abbiamo passato venti giorni da favola. Avevamo una suite di cinquecento metri quadrati solo per noi. Serviti e riveriti con camerieri e personale privato. Quella volta Franco aveva pagato un conto astronomico. Credo una cifra che superasse i cinquantamila euro. Un altro posto dove amavamo rifugiarci era al Pellicano, a Porto Ercole”.

Alla domanda se non si vergognasse di questa vita posta a confronto con quella della stragrande maggioranza degli italiani, la Reali risponde: “Me ne vergogno. Oggi cammino per strada e ricevo insulti da parte di sconosciuti. Tutti sono convinti che io abbia fatto la bella vita con i soldi del partito, ma io non ne sapevo nulla. Nego qualunque tipo accusa. Anch’io sono italiana, pago le tasse e sono incazzata quanto voi. Chi sospetterebbe del proprio fidanzato? La cosa grave è che gli insulti volano anche dinanzi a mia figlia”. Prosegue la Reali: “Chi sbaglia, paga. Franco ha sbagliato e ora si trova in carcere. Per quanto riguarda me, io ero solo la sua fidanzata. Ma, come ho detto durante l’interrogatorio, non esiste il reato di “essere la fidanzata di”.

Lui per me era Franco Fiorito, il mio fidanzato, l’uomo che amavo e, come ogni donna, se ricevevo un regalo, pensavo che arrivasse dalle tasche del mio uomo: come potevo immaginare che i soldi erano del partito?”. Infine una notazione sulla loro vita di coppia: “Franco mi tradiva in continuazione e l’ho sempre saputo. Prendevo il suo cellulare e leggevo i messaggini, controllavo i suoi spostamenti. Ha avuto tantissime amanti. La storia più clamorosa con una delle sue segretarie, anche questa scoperta grazie al cellulare. Tutti sapevano e nessuno mi ha detto nulla. Andavamo alle cene con i suoi colleghi politici e mi presentava come se fossi un trofeo. O, meglio, mi esibiva. Io, quando trovavo la forza, lo lasciavo, ma poi tornava sempre da me e lo perdonavo. Scopro l’ultimo tradimento durante il nostro ultimo viaggio a Londra, lo scorso gennaio. Lui nega e, al ritorno, purtroppo sullo stesso volo, decido di sparire dalla sua vita”.

da AFFARITALIANI.LIBERO.IT

Rispondi