Categorie
economia turismo ultime notizie vacanze viaggi

Come spendere meno per le vacanze

Vacanze in tempo di crisi

di Elisabetta Gatto

vacanze_poco_costoseAlle ferie, anche in un’epoca che ci costringe a tagliare su tutto, non vogliamo rinunciare. E allora, portafogli alla mano, cerchiamo di scoprire come concederci una pausa dalla routine senza spendere una fortuna.

Che sia al mare, in montagna o in una città d’arte, il soggiorno è molto meno lungo di un tempo: da un’inchiesta condotta da Altroconsumo risulta che nel periodo estivo il 40% degli intervistati si concede una sola settimana di vacanza, mentre appena l’8% si può permettere più di due settimane fuori casa. D’inverno il break non supera le tre notti e fuori stagione il 45% degli intervistati scappa dalla città solo il tempo di un weekend.

Con un po’ di attenzione possiamo organizzare le nostre vacanze in totale autonomia: il 53% degli italiani ricorre al web per prenotare viaggi, voli, sistemazione e autonoleggio. La percentuale sale al 58% nella fascia d’età compresa tra 18 e 34 anni. Al contrario, la fetta di popolazione di età superiore ai 60 anni si affida alle agenzie di viaggi per acquistare pacchetti-vacanze preconfezionati oppure predilige le prenotazioni telefoniche.

La rete offre la possibilità di organizzare un viaggio “su misura”, assecondando al massimo le proprie esigenze e approfittando di promozioni molto convenienti: consultare i siti di diversi tour operator e agenzie on line e comparare un numero enorme di proposte è un ottimo modo di scovare offerte a prezzi competitivi. Un consiglio: approfittate della rete, poi, però, contattate direttamente l’albergo o la compagnia di volo o l’autonoleggio per verificare che all’origine la promozione non sia ancora più vantaggiosa.

Il 45% degli italiani preferisce l’hotel alla casa in affitto, al campeggio o al B&B e opta per quelli a conduzione familiare piuttosto che le catene internazionali: al total comfort e a una buona colazione, se non alla pensione completa non si può rinunciare! Il 10% ama la più animata sistemazione in villaggio, il 5% la tenda in campeggio, il 4% la cabina di una nave da crociera e solo il 3% un rustico agriturismo.
Una soluzione decisamente vantaggiosa è quella dello scambio di casa: lanciato dal successo cinematografico di “L’amore non va in vacanza”, è un modo originale di organizzare le vacanze, che offre la possibilità di trascorrere un week-end o più settimane a costo zero. Rivolgendosi a una delle tante agenzie specializzate, si può scambiare la propria residenza abituale o una seconda casa con quella messa a disposizione da altri proprietari in Italia o in un altro angolo del mondo.

Verificate per tempo la presenza di offerte promozionali per le diverse tipologie di trsporto. Ad esempio, per un viaggio in treno si può risparmiare prenotando con largo anticipo oppure con formule a prezzi speciali (andata e ritorno nel week end, 2×1, carnet multi-viaggi, sconti famiglia o gruppi, riduzioni giovani o anziani). Viaggiando in nave in orari o date prestabilite si gode di sconti per passeggeri o per l’auto o la moto al seguito.

Una pratica che si sta diffondendo negli ultimi anni è quella del car-pooling, grazie numerose piattaforme web che consentono a chi cerca un passaggio e a chi offre un passaggio di incontrarsi e condividere l’automobile per ridurre i costi del trasporto. L’intermediazione dell’agenzia facilita il superamento della diffidenza e permette di conoscere preventivamente il compagno di viaggio. Oltre al risparmio in termini economici, il car pooling è un intervento di mobilità sostenibile che contribuisce a ridurre l’inquinamento e a migliorare la congestione del traffico.

da it.finance.yahoo.com

Rispondi