Vademecum per vacanze avventura

Vacanze avventura: ecco cosa portare
Uno dei viaggi preferiti dai più giovani è l’on the road, la vacanza avventura. Ma cosa bisogna mettere in valigia per una vacanza del genere? Piccolo vademecum del giovane Bear Grylls
 
vacanze_avventura_vademecumLa vera vacanza a portata di studente è on the road, lo sappiamo tutti molto bene. Ma fare le valigie per gli aspiranti Bear Grylls alle prese con animali esotici e condizioni ambientali estreme non è un’impresa così semplice come si potrebbe pensare. E’ necessario aguzzare l’ingegno e cercare in modo pratico e razionale di preparare il proprio bagaglio prendendo in considerazione soprattutto il clima e la cultura dei luoghi che si intende visitare. Per capire se si è davvero pronti per una vacanza all’avventura ecco una piccola check list.

Se è vero che l’abito non fa il monaco è vero che, in questo caso, un abbigliamento adeguato distingue un viaggiatore esperto da uno sprovveduto. È sempre bene scegliere il cotone e i tessuti naturali come il lino. Per esempio, per un safari in posti mozzafiato come il Kenya, è consigliato portare un foulard per proteggersi dai polveroni alzati dai fuoristrada che si incrociano sulle piste di terra battuta. Bisogna sempre ricordare che anche in un posto dove la natura è primordiale e selvaggia, sono immancabili un paio di scarpe comode. Sempre utile anche una giacca a vento, un K-way per le giornate di pioggia e un pile per le forti escursioni termiche.

Se si pensa di catapultarsi in un viaggio avventuroso, è importante avere un grande spirito di adattamento. Per affrontare il sole cocente, le escursioni termiche dei parchi africani e tutte le condizioni estreme che non possono mancare in una vacanza avventura che si rispetti, sono utili alcuni oggetti. Ad esempio un semplice cappello per proteggersi dal sole ma anche una bandana e degli occhiali da sole da portare sempre con sè. Contro il caldo torrido invece l’unico vero rimedio per riuscire a non soccombere è bere molta acqua e mangiare frutta fresca.

Al vero amante dell’avventura capiterà di certo di trascorrere qualche notte all’aria aperta in tenda ad esempio in uno dei meravigliosi parchi della Tanzania. Per un accampamento essenziale, ma confortevole, non possono assolutamente mancare: sacco a pelo resistente agli sbalzi termici, torcia (meglio se di quelle a ricarica manuale) e l’immancabile coltellino svizzero. Da non dimenticare il kit per il pasto: forchetta, coltello e cucchiaio tutto in uno.

La vacanza avventura è caratterizzata dall’essenzialità. In particolare è sempre importante avere le mani libere durante ogni genere di spostamento, ma presuppone anche la presenza di alcuni accessori quali: adattatore universale per prese della corrente, creme solari e anche un kit di primo soccorso se pensate di stare a lungo lontano da centri abitati. Non dimenticate cerotti e bustine per la reidratazione, gel disinfettante e anche qualche repellente contro le zanzare.

da tgcom

Leave a Reply