Unesco i siti a rischio visti dal satellite

Paesaggio culturale e resti archeologici della Bamiyan Valley, Afghanistan. Inserita nel 2003 sia nel la lista World Heritage che in quella dei siti in pericolo

Una pubblicazione siglata Unesco e Usgs (United States Geological Survey). Mostra visioni dall’alto di 31 dei 35 siti Patrimonio dell’Umanità che l’ente delle Nazioni Unite ritiene a rischio. Si chiama, appunto “From Space to Place: an Image Atlas of World Heritage Sites on the ‘In Danger’list” e verrà presentato in giornata a New York, ma è già consultabile sul sito Unesco. Aree minacciate dal desertificazione, dal riscaldamento globale, ma anche dalle guerre e dall’urbanizzazione. Dall’Africa al Sudamerica, dalle Filippine. Ci sono la Barriera Corallina del Belize e la prima capitale assira, in Iraq, Gerusalemme e molte riserve naturali africane, le città medievali del Kosovo e le Galapagos (che però, fortunatamente, non sono più “in danger” dal 2010. Ecco le immagini, riprese dall’alto perché la prospettiva aerea, soprattutto quando si mettono a confronto lo “ieri” e l'”oggi” di aree che hanno una loro identità, una connotazione molto forte, diventa impietosa

da kataweb.it

Leave a Reply