Categorie
Grecia

Tutti in vacanza in Grecia ora è Low Coast prezzi di case e appartamenti crollano

Grecia low cost. Come non mai

I tour operator mitteleuropei abbandonano il paese in crisi: prezzi di case e appartamenti crollano. Dall’Italia si scatena la caccia all’offerta online

Computer, Egeo e fantasia. La Grecia, tradita dai grandi operatori di viaggi, riparte dal turismo fai-da-te. E si aggrappa al salvagente dei vacanzieri italiani a caccia di occasioni online per salvare
una stagione 2012 che  –  al momento  –  è stata un flop. “La tendenza è ormai chiara da qualche mese  –  racconta Andreas Andreadis, responsabile dell’associazione ellenica di settore -. I pacchetti organizzati sono in calo del 20-25 per cento, con punte del -40 per cento dopo le elezioni del sei maggio. Mentre, per fortuna, si stanno moltiplicando le richieste di informazioni per viaggi individuali alle aziende di soggiorno sulle isole o attraverso i siti specializzati in affitto case. Specie dall’Italia”.

È la vecchia legge dei vasi comunicanti: ad Atene e in tutto l’Egeo alberghi e appartamenti – snobbati dalle agenzie (“le nostre prenotazioni sono in calo del 30 per cento”, ammette la Thomas Cook) – sono rimasti vuoti in primavera. E oggi sono in vendita a prezzi di saldo su internet. “Le tariffe sono scese in media del 20 per cento da inizio anno”, dicono all’organizzazione degli albergatori greci.

Qualcuno, in particolare nel Belpaese, se n’è già accorto. Ryanair e Easyjet, fiutato il boom dei viaggi autogestiti verso la Grecia, hanno potenziato in modo significativo i servizi verso il paese per quest’estate. E la disponibilità di mezzi di trasporto low cost ha fatto da volano per la mini-ripresa della domanda tricolore. Quantificare questo piccolo boom  –  un balsamo per un paese che ricava il 12 per cento del pil dal turismo  –  è difficile ammette Yorgos Mamaols, portavoce all’ambasciata greca di Roma. Ma il fenomeno è evidente a tutti gli operatori di settore.

“Le dico solo questo dato: ogni giorno riceviamo almeno una trentina di richieste di informazioni su case in affitto per telefono o via internet dall’Italia  –  racconta Heleni Bellegris impiegata allo sportello delle informazioni turistiche di Milos – Dalla Germania, per dirle, arrivano al massimo due
o tre chiamate e dalla Francia una decina”. “Gli arrivi individuali dal-l’Italia sono gli unici che allo stato registrano un segno più in base alle nostre rilevazioni”, confermano ad Airfast Tickets.
Durerà? Ad Atene sperano di sì. L’età media dei turisti tricolori che sbarcano da queste parti è in netto
calo e la generazione dei turisti 2.0 ha più dimestichezza con le tecnologie che consentono di mettere assieme (risparmiando parecchie centinaia di euro) tutti i tasselli  –  volo, traghetto, casa e motorino a noleggio  –  di una vacanza sull’Egeo.

E mentre i grandi tour operator tedeschi e nord europei cancellano i loro pacchetti per il timore di un ritorno alla dracma, la solidarietà mediterranea delle vacanze fai-da-te potrebbe dare una mano decisiva alla Grecia per evitare che la disastrosa stagione 2012 lasci in eredità al paese(che certo non ne ha bisogno) un altro buco alle entrate di quasi due miliardi di euro.

di Ettore Livini da repubblica.it

Rispondi