Turismo sanitario ayurvedico in India

Turismo: bene i viaggi in India, anche quelli ‘sanitari’
Nel 2010 sono stati 92.265 i turisti italiani che hanno visitato l’India. Una meta scelta per la sua storia, per il suo patrimonio culturale e le antiche tradizioni. Ma, negli ultimi tempi, ha anche e sempre di piu’ preso piede il turismo ‘sanitario’. Cure poco costose, personale qualificato e possibilita’ di un soggiorno rigenerante aggiuntivo alle cure, durante il quale conoscere ayurveda e yoga.
A promuovere il grande paese asiatico e’ lo stand dell’ente del turismo indiano, al Ttg Incontri di Rimini, fiera del turismo B2B.
‘IncredibleIndia’ sara’ a Roma il 10 ottobre, a Bologna l’11, a Torino il 12 e a Milano il 13. Durante Ttg il direttore India Tourism, Gobind C. Bhuyan, ha spiegato le linee di azione: tra l’altro, e’ nato un corso multimediale per aiutare le agenzie viaggi a conoscere meglio l’India: ”L’obiettivo di questo progetto di e-learning – spiega il direttore – e’ quello di fornire uno strumento di aggiornamento piacevole, che possa interessare e coinvolgere un grande numero di agenzie”.
A fondare il successo della destinazione, oltre al patrimonio culturale, ”in questi ultimi anni e’ stato il prodotto benessere legato all’ayurveda, che attira molti viaggiatori, confortati anche dalla presenza di nuove infrastrutture che fanno dell’India un paese estremamente al passo con i tempi sotto il profilo del comfort”.

da ansa.it

One thought on “Turismo sanitario ayurvedico in India

Leave a Reply