Turismo rurale associato al sesso?

Agriturismo, turismo sessuale in campagna punto di forza del settore
E’ la Francia il mercato più maturo d’Europa con 80mila agriturismi. Le spagnole quelle che pensano più al sesso

Turismo sessuale a Cuba o in Thailandia? Per il 54 per cento degli italiani è da associare alla campagna e al buon mangiare sano. Ma sono le spagnole a pensare di più al sesso. Secondo una ricerca condotta da Toprural – società leader in Europa per la ricerca sul web alloggi rurali con una quota del 60 per cento e 1,6 milioni di visite al mese – il turismo rurale è “naturalmente associato al sesso”.

A rappresentare maggiormente questa tendenza è la fascia di età che va dai 25 ai 34 anni. “Lo afferma il 63 per cento degli appartenenti a questa fascia d’eta. Questa percentuale scende con l’anzianità fino ad arrivare al 46 per cento negli amanti dell’agriturismo con età compresa tra i 45 ed i 54 anni”, fanno sapere da Toprural. Insomma, con l’età degli intervistati si abbassa la percentuale di risposte positive. “Con questa indagine – proseguono dalla società di categoria presente in 10 paesi del mondo – si chiude la ‘Radiografia del Turista Rurale 2010’, indagine statistica condotta in collaborazione con Sondea e tesa, attraverso 1006 interviste rappresentative in Italia, all’analisi della domanda di turismo rurale nella Penisola”. Secca la domanda che è stata formulata ai “turisti della campagna”: “Pensa che il turismo rurale e le vacanze in agriturismo possano favorire l’attività sessuale?”. Il 10 per cento del campione non relaziona le due cose mentre il 37 per cento non si è fatto un’idea chiara ed unica.

Dalla ricerca Toprural emerge che ad essere più convinto dell’effetto della vacanza in campagna sulla propria vita sessuale è l’uomo. Almeno in Italia. “Analizzando i dati per sesso – proseguono dalla società – si nota come il 57 per cento dei turisti rurali di sesso maschile associ l’agriturismo alle relazioni sessuali, contro il 50 per cento delle donne. Il 40 per cento delle stesse afferma non aver un’opinione precisa sul tema contro il 33 per cento degli uomini, che concentrano maggiormente le risposte verso la prima opzione”.

“Si tratta di una ricerca che facciamo ogni anno in Francia, Italia e Spagna. In tutto abbiamo raccolto circa tremila interviste”, spiega al VELINO Lucio Colavero responsabile comunicazione Toprural in Italia. Se in Italia è soprattutto l’uomo a pensare al sesso, in Francia la percentuale tra uomo e donna è più o meno la medesima (46 per cento) mentre in Spagna sul 61 per cento di risposte positive delle quali il 65 per cento degli uomini e il 56 delle donne. “Ma è la Francia il mercato per l’agriturismo più maturo in Europa, “dove ci sono 80mila agriturismi contro i 19.500 presenti in Italia”, prosegue Colavero. Ma una cosa è certa: “Se l’ambiente rurale favorisce l’attrazione sessuale – conclude il responsabile della società mondiale con sede a Madrid – questa caratteristica può essere uno dei punti di forza per la crescita del settore”.

Edoardo Spera da ILVELINO.IT

LUCIO COLAVERO da BLOG.TOPRURAL.ITTOPRURAL.IT

One thought on “Turismo rurale associato al sesso?

Leave a Reply