Turismo enogastronomico tra Salerno e New York

Asse Salerno – New York per turismo enogastronomico
Giovedì 21 marzo il sindaco Vincenzo De Luca incontra esponenti della Camera di Commercio italo-americana

italiani_cucina_vacanzeIl Comune di Salerno e la Camera di Commercio italo-americana di New York danno vita ad un progetto di collaborazione commerciale tra le aziende salernitane ed il mercato degli Stati Uniti d’America sempre molto interessato ai prodotti d’eccellenza turistica, culturale ed enogastronomica “made in Italy” ed in particolare made in Salerno.

Giovedì 21 marzo, a partire dalle ore 9, presso il Salone del Gonfalone nel Palazzo di Città avrà luogo un evento di presentazione delle opportunità di commercializzazione delle eccellenze salernitane negli Stati Uniti d’America. Tale appuntamento è aperto a tutte le aziende del comparto enogastronomico, turistico e culturale (di piccole, medie e grandi dimensioni) interessate a sviluppare collaborazioni commerciali con partner statunitensi.

Il programma della manifestazione prevede a partire dalle ore 9 la registrazione delle aziende, degli imprenditori e delle associazioni di categoria interessati. Alle 10 sono in programma gli interventi del sindaco di Salerno Vincenzo De Luca e di Federico Tozzi segretario generale della Camera di Commercio italo-americana di New York che sarà accompagnato da alcuni buyer italo-americani. A seguire si svolgerà una sessione dedicata a tutti gli approfondimenti operativi ed all’avvio delle potenziali sinergie tra gli operatori commerciali americani e le aziende salernitane.

La partecipazione alla manifestazione è libera e gratuita. Per ragioni organizzative è utile che le aziende e gli imprenditori, le associazioni di categoria interessati alla partecipazione provvedano ad inviare una e-mail con i propri riferimenti a [email protected]

Si confida nella massima divulgazione dell’invito e nella partecipazione a questa importante opportunità di sviluppo economico e commerciale.

da lacittadisalerno.gelocal.it

Leave a Reply