Categorie
Trentino turismo ultime notizie vacanze web

Trentino : turismo ed Expo Milano 2015

Più web e Expo, il turismo cambia marcia
L’assessore Mellarini indica la via per il rilancio: «I marchi del Garda e delle Dolomiti la nostra vetrina sui mercati»

di Roberto Colletti

trentino_turismo3Investire ancor di più sul web e prepararsi per Expo Milano 2015: due progetti di lungo termine per far crescere il turismo. L’assessore provinciale Tiziano Mellarini n’è convinto: «Dobbiamo cambiare marcia. Lo stiamo già facendo, ma i mercati corrono e senza una presenza forte sulla rete oggi non si va da nessuna parte».

La stagione invernale si conclude in questi giorni. Ci sono segnali di flessione?
No, affatto. Premetto che i conti si faranno sui dati definitivi, ma la sensazione trasmessa dagli operatori è buona. Le presenze da dicembre sino a Capodanno sono state una grata sorpresa e anche le prime settimane di gennaio sono state positive. Poi s’è registrato un calo da fine mese a inizio febbraio, bene i giorni di Carnevale e poi l’abbondanza di neve ha aiutato.

Il Trentino turistico procede bene, dunque.
Attenzione: abbiamo mantenuto la nostra leadership, per ora, nonostante gli effetti della crisi che pesa soprattutto sulle famiglie italiane e nonostante la concorrenza delle altre regioni. E non parlo solo di Alto Adige o Austria, ma anche di Appennino tosco emiliano e Abruzzo. Aree dove sono stati fatti importanti investimenti nel turismo invernale con un’offerta che attrae clienti dai bacini di Roma e Napoli. A questo s’aggiunga il fatto che, pur in questo contesto relativamente buono, i margini degli operatori sono sempre più stretti. Perciò insisto: stiamo lavorando bene, ma le posizioni vanno difese anno dopo anno, anzi di mese in mese.

Potenziando la presenza su internet…
E’ uno degli strumenti per essere concorrenziali. Ma non basta essere sul web, è necessario condividere la nuova cultura del turismo, costruendo offerte flessibili e chiare. Il portale visittrentino.it sta dando buoni risultati e sto insistendo per potenziare la banca dati dell’intero settore per creare un affidabile “profilo” del turista. Naturalmente bisogna anche darsi degli obiettivi, che abbiamo individuato nei due grandi marchi del Garda e delle Dolomiti. E’ con queste due “immagini” che possiamo presentarci sul mercato del turismo, sempre più mondiale, non da soli, bensì in alleanza coi nostri partner naturali, quelli che condividono le bellezze di questi territori.

Per l’area del Garda già funzionano iniziative comuni…
Da qualche anno a questa parte i consorzi delle Regioni rivierasche si sono unificati in Garda Unico, con un presidente a rotazione. È la strada giusta che il Trentino, capofila dell’iniziativa, ha sempre sostenuto trovando la collaborazione di Brescia e Verona.

Mentre le Dolomiti sono state promosse patrimonio dell’umanità.
Una forte spinta al Progetto Dolomiti che condividiamo con Alto Adige e Veneto. È il brand su cui stiamo lavorando e che sarà lanciato sul mercato mondiale a Expo Milano 2015. In questo quadro è importante la partecipazione nell’aeroporto Catullo e la promozione degli scali di Villafranca e Montichiari affidata al consigliere Meneghelli espressione, assieme al vice presidente Angeli, della Provincia.

Si punterà su marchi “internazionali”, insomma.
Sì, Garda e Dolomiti. Il nostro mercato è mondiale, dobbiamo guardare al Brasile e all’India e non possiamo illuderci di poter presentare la nostra offerta da soli. Scompariremmo. Dobbiamo essere in rete, sul web come in quella aeroportuale. Per valorizzare il Trentino e la nostra economia.

da trentinocorrierealpi.gelocal.it

Rispondi