Toscana presenze in aumento in estate

TOSCANA: REGIONE, TRA GIUGNO E AGOSTO + 3,2% PRESENZE TURISTI
Sono cresciute del 3,2% (pari a 695 mila unita’) le presenze turistiche in toscana nel trimestre estivo, cioe’ tra giugno e agosto, appena trascorso.

E’ quanto emerge da una indagine svolta su un campione significativo di 829 imprenditori alberghieri, extralberghieri ed agrituristici raccolte dal Centro Studi Turistici per Toscana Promozione.

Per oltre la meta’ dei casi, le vacanze sono trascorse nelle localita’ della costa, con un incremento complessivo delle presenze dell’1,3% (circa 150mila in piu’). Non tutte le aree hanno conseguito gli stessi risultati; un leggero calo ha interessato la Versilia e la Maremma, piu’ legate ai flussi del turismo nazionale. Costa Apuana, Isole dell’Arcipelago e Costa livornese hanno segnato un risultato in crescita.

Il dato numerico piu’ significativo rimane senza dubbio quello delle tradizionali citta’ d’arte e dei centri culturali minori, che hanno segnato un netto +4,2%. In queste localita’, che totalizzano circa il 25 per cento delle presenze del trimestre, l’aumento della domanda e il leggero rialzo dei prezzi del ricettivo hanno inciso positivamente anche sui fatturati delle imprese. Buoni risultati anche per la montagna (+6,7%) e la campagna-collina (+6,6%).

I risultati migliori sono quelli conseguiti dagli hotel a 4 e 5 stelle, per i quali si stima una crescita dei pernottamenti del +6,1%. In flessione, invece, la clientela dei 3 stelle e dei residence che dovrebbero segnare un -1,3%, mentre un calo piu’ marcato e’ segnalato per i 2 e 1 stella (-4,4%). Nel complesso il settore alberghiero segna un +1% e, probabilmente, le quote di mercato perse dagli hotel a classificazione media-inferiore sono state intercettate dalle imprese del settore extralberghiero (come ad esempio i campeggi), che aumenta del +4,7%. Per questo ultimo comparto, l’agriturismo e’ l’unica tipologia di impresa che segna valori di crescita piu’ contenuta (+0,4%).

Se gli italiani sono stati frenati dalla crisi e dai timori degli effetti delle manovra economica di agosto, per tutta la stagione estiva i flussi provenienti dall’estero hanno segnato significativi tassi di crescita.

”La nostra credo davvero possa essere ritenuta una soddisfazione giustificata, grazie al lavoro svolto in modo congiunto da tutti i soggetti interessati, istituzionali e privati – ha dichiarato l’assessore regionale al turismo Cristina Scaletti -. Un risultato che ci impegnamo a estendere nel prossimo futuro, affinando il sistema di promozione e lavorando insieme agli operatori di settore per nuovi prodotti da proporre ai mercati”.

da Asca.it

Leave a Reply