Stonehenge le prove che il cerchio di pietre era completo tutto grazie ad un tubo per innaffiare troppo corto

Stonehenge 2014 01Stonehenge: il cerchio di pietre era completo, affiorate le prove
Con l’estate secca, l’erba che ricopre il sito non è cresciuta e si sono potute le vedere le tracce dove erano posizionati i megaliti «mancanti»

Esperti e scienziati si sono scervellati per anni: le pietre millenarie di Stonehenge hanno mai formato un cerchio completo? Adesso, a quanto sembra, è stata trovata la risposta. In modo piuttosto bizzarro. Stonehenge, la celebre composizione circolare di megaliti sita nell’Inghilterra meridionale, patrimonio Unesco dal 1986 e meta di pellegrinaggi di vario genere, è da sempre oggetto di studi e ricerche approfondite. Il complesso, che le più recenti analisi archeologiche collocano attorno al 3 mila a. C., è formato da blocchi di pietra verticale sormontati da lastroni orizzontali, posti su una superficie circolare di 100 metri di diametro. Tuttavia, a causa della mancanza di una parte dei massi, non è mai stato determinato in modo certo che il monumento megalitico avesse davvero avuto una configurazione circolare completa.

Ebbene, la «prova mancante» che il cerchio esterno della fase finale fosse effettivamente completo anche nel quadrante a sud-ovest, è arrivata ora. Non sono stati necessari ulteriori scavi o complicate analisi geofisiche. Il merito è di un semplice tubo per l’irrigazione. Come riferisce tra gli altri la Bbc, il prato attorno al celebre circolo nella piana di Salisbury viene irrigato ogni estate, così da mantenere un manto rigoglioso e verde anche nella stagiona calda. Tuttavia, con la siccità che c’è stata quest’anno il tubo flessibile per innaffiare era troppo corto e i custodi non hanno potuto raggiungere tutto il sito. Il risultato? Colpa (o merito) anche dell’estate secca, in una parte l’erba non è cresciuta. E proprio qui sono emerse le tracce dove c’erano le pietre «mancanti» che in origine completavano il cerchio. «È davvero rilevante e ci mostra quanto abbiamo ancora da imparare su Stonehenge», ha detto Susan Greaney della English Heritage in merito alla scoperta.

di Elmar Burchia da corriere.it

Leave a Reply