Categorie
Italia Sicilia

Selinunte la festa privata di Google in Sicilia

thecamp_MGZOOMYacht, jet e vip a Selinunte: la festa di Google tra i templi costa solo 7mila
Dopo lo scandalo dei Rolling Stones al Circo Massimo, anche il sito archeologico di Selinunte svenduto agli americani

Qualche mese fa il roboante concerto dei Rolling Stones aveva scatenato pesantissime polemiche per l’affitto del Circo Massimo.

Il Comune di Roma aveva concesso la struttura per appena 8mila euro. Il sindaco Ignazio Marino, vista la malparata dell’opinione pubblica e le accese accuse di svendere il patrimonio artistico del Belpaese, aveva promesso che mai e poi mai sarebbe successo di nuovo. Molto bene. Peccato che in Sicilia, la lezione, non l’abbiano mica imparata. Per la festa (privata) di Google è stato affittato il sito archeologico di Selinunte per 7mila euro.

Gli yacht a lambire le coste siciliane. I quaranta jet privati a intasare il cielo terso sopra Agrigento. Sergey Brin e Larry Page, fondatori del colosso americano del web, hanno pensato a una festa in grande per la convention annuale. Un evento che ha fatto accorrere stelle del cinema, dischi d’oro, magnati, gotha della finanza, attrici e bellezze di ogni parte del mondo. Una festa tanto esclusiva da mettere insieme David Beckham e il numero uno di Goldman Sachs, Jovanotti e Arianna Huffington, il premio Oscar Jared Leto e Pierre Casiraghi, Lapo Elkann e Eva Longoria. E ancora: i vertici del Banco di Santander, un nutrito stuolo di emiri, qualche rappresentante della Deutsche Bank, Bill Gates, i rappresentanti di Uber. Tutti riunito all’ombra dell’Acropoli di Selinunte a mangiare pesce. Lo chef, ovviamente, stellato.

Qualche settimana fa il direttore del sito archeologico di Selinunte Giovanni Leto Barone si era lamentato col governatore della Regione Siciliana Rosario Crocetta di aver finito i soldi. Tanto che era stata addirittura ventilata l’ipotesi di chiudere il sito archeologico più grande d’Europa. A Crocetta, Barone chiedeva altri fondi regionali per pagare gli straordinari ai dipendenti. Perché, dunque, svendere per 7mila euro l’intero sito? Perché non affittarlo a un congruo prezzo?

Sergio Rame  da ilgiornale.it

Chi c’era e di cosa si è parlato
al campo di Google in Sicilia
Arte, salute e temi globali. Ma anche gite in canoa e passeggiate in bicicletta per gli ospiti del vertice blindato di super G. Per l’Italia, tra gli invitati anche Colao

Un vertice segreto di quattro giorni, organizzato in Sicilia da Google per ospitare il gotha di finanza, tecnologia, moda e spettacolo. O, meglio, un campo estivo. Ora, mentre anche gli ultimi ospiti salgono su jet e yacht per lasciare la Sicilia, trapelano i dettagli sull’agenda degli incontri tenuta rigorosamente blindata da Big G per The Camp.

A raccontarli è il web strategist Tony Siino: «Durante la mattina c’erano conversazioni e scambio di idee. Non monologhi né temi ma era indicato in linea di massima che si sarebbe parlato di scienza, tecnologia, affari, arti e cultura». Solo incontri informali, su temi globali. Ma anche sulle città del futuro, su tecnologia e salute e sul rapporto tra l’arte, lo spettacolo e la rete. Pochi gli ospiti per l’Italia. Tra questi come counselor, Jaki Elkann (raggiunto dal fratello Lapo). Poi, Vittorio Colao di Vodafone e Lorenzo Jovanotti. Sergey Brin e Larry Page, fondatori di Google, erano ovviamente gli anfitrioni. Per il gotha internazionale invece erano in lista, tra gli altri, Lloyd Blankfein, di Goldman Sachs, Joe Jimenez di Novartis, la stilista Tory Burch, John Donahoe di eBay, Jay Y. Lee di Samsung, Travis Kalanick di Uber, Elon Musk di Tesla, ka ex moglie di Brin Anne Wojcicki. Ma anche le attrici Rashida Jones edEva Longoria e l’attore Jared Leto. Poi anche una testa coronata con il principe Haakon di Norvegia. Assente invece Bill Gates che secondo alcune indiscrezioni era stato avvistato in Sicilia.
A cena tra le vigne
Nel pomeriggio, agli ospiti veniva dato spazio per esplorazione e gioco, con alcune attività come la vela, il kayak, il flyboard, il quadski, il paddleboard anche con yoga, il golf e percorsi in bici verso la cittadina di Caltabellotta. Per la sera, come già raccontato qui, si sono tenuti tre eventi, lunedì la cena di gala al tempio di Hera a Selinunte dove si è esibito il cantante John Newman, martedì cena al Planeta, da produttori di vino siciliani giovani e dinamici mentre mercoledì gli ospiti sono rimasti al Club Verdura. Niente foto, tutto blindatissimo, come spiegato anche sul sito allestito dagli organizzatori per gli ospiti. Solo qualche tweet. In pieno rispetto della privacy.

Marta Serafini da corriere.it

 

Rispondi