San Valentino Bassano del Grappa e le coppie gay lesbiche sul Ponte degli Alpini

San Valentino, baci gay sul ponte degli Alpini
A Bassano del Grappa l’invito a tutte le coppie di fatto. E scoppia la polemica. Il sindaco: non ci andrò
Il ponte Vecchio di Bassano del Grappa a fare da sfondo per il bacio delle coppie di fatto. Perché San Valentino, martedì prossimo, è la festa di tutti gli innamorati. Adulti, anziani, giovani, coppie eterosessuali e pure amanti omosessuali. E poi c’è che quel ponte in legno, nel Comune vicentino, con i baci ha un rapporto tutto particolare. Ospita la statua di un alpino che bacia la sua bella prima di andare al fronte e viene pure citato in una canzone popolare e famosa tra le penne nere: «Sul ponte di Bassano… là ci darem la mano… ed un bicin d’amor». Così accade che all’iniziativa proposta dallo Iat (Ufficio informazione turistica) di Bassano, per scambiarsi un bacio nel giorno di San Valentino sul ponte disegnato da Andrea Palladio, si sovrapponga quella di un circolo locale per persone omosessuali che invita tutte le «coppie di fatto» a unirsi al bacio.

La prima idea, quella dell’ufficio turistico bassanese, era partita la scorsa settimana, con un tam tam su internet: lo Iat ha invitato oltre duemila persone dalla pagina sul social network Facebook che pubblicizza l’evento, intitolato proprio con le strofe della canzone degli alpini. L’appuntamento sarà alle 21, martedì 14 febbraio sul ponte Vecchio per un modo diverso di festeggiare la festa degli innamorati: «Scambiarsi un gesto d’affetto, una promessa e perchè no, un piccolo dono» recita il testo dell’invito ufficiale. Il messaggio coinvolge tutti, senza discriminazioni, e così fra le persone che dal social network hanno già accolto l’invito c’è pure il circolo «Circolo Tondelli glbt, Gay & Lesbian Center» di Bassano del Grappa. Che però non si è fermato alla semplice adesione, e ha invitato tutti i suoi sostenitori, e le «coppie di fatto» in particolare, a partecipare all’avvenimento sul celebre ponte palladiano. Cambiandone anche il titolo: quello pubblicizzato dal club tre giorni fa è diventato «Dillo con un bacio. A San Valentino un bacio per le coppie di fatto».

Ora e luogo sono gli stessi: ponte Vecchio di Bassano, alle 21. Perché l’occasione di una manifestazione collettiva sul ponte di Bassano, per il circolo bassanese, diventa strumento per raggiungere altri scopi: «Si invitano tutte le coppie conviventi bassanesi, siano esse eterosessuali oppure omosessuali – recita il testo dell’invito pubblicato dall’associazione – a prendere parte al bacio di San Valentino sul ponte Vecchio di Bassano del Grappa, un gesto di affetto per sostenere l’iniziativa della richiesta di rilascio delle attestazioni di convivenza (Famiglia anagrafica) da parte degli uffici dell’anagrafe del Comune. Un passo significativo per il riconoscimento di diritti alle persone che vivono in convivenze non matrimoniali». Ma già si registra, in città, qualche defezione. Il sindaco, Stefano Cimatti, promette di non andarci: «Non ho nessuna opinione in merito, ma non sono abituato a dare baci in pubblico, non ci andrò per quello. Poi, per quanto riguarda lo scopo che si prefigge di ottenere il circolo” Tondelli”, dico che c’è già una petizione depositata in Comune, ne discuteremo, ma l’amministrazione rilascia già certificati di anagrafe per la semplice convivenza, anche di coppie omosessuali».

Gian Maria Collicelli da corriere.it

Leave a Reply