Ryanair Business Plus anche la Ryanair fa la sua business class

di | Agosto 27, 2014

ryanair_turismo_invernaleSvolta Ryanair, la compagnia low cost lancia la «sua» business class
Tariffe a partire da 70 euro. Possibilità di cambiare più facilmente le prenotazioni, accesso a sedili più confortevoli e l’opportunità di mettere un bagaglio in stiva di 20 kg

Se non è una rivoluzione, poco ci manca. Ryanair, la compagnia low cost più famosa d’Europa, ha annunciato mercoledì il lancio del suo primo servizio di business class. Nulla a che vedere con i comfort offerti delle compagnie tradizionali, ma di certo si tratta di una svolta per la compagnia a basso costo. La società irlandese offrirà infatti ai clienti che viaggiano per motivi di lavoro, e che scelgono il servizio «Ryanair Business Plus», (che parte da una tariffa base di 69,99 euro) diversi benefici tra cui la possibilità di cambiare più facilmente le prenotazioni, di imbarcarsi più velocemente, l’accesso a sedili più confortevoli e l’opportunità di mettere un bagaglio in stiva di 20 kg.
Calo di profitti e di immagine
La svolta della compagnia presieduta dall’eccentrico Michael O’Leary arriva in un anno in cui Ryanair, dopo un lustro di ottimi risultati, ha registrato per la prima volta un pesante calo di profitti e d’immagine. Inoltre come mostrano indagini di mercato nel corso degli ultimi anni i viaggiatori d’affari che scelgono le compagnie low cost sono aumentati in maniera esponenziale. Lo ha capito per primo Easyjet, la principale concorrente europea di Ryanair sui voli a basso costo, che già da qualche mese ha lanciato con successo un servizio che si rivolge esclusivamente ai viaggiatori d’affari e che ha permesso alla compagnia britannica di rubare quote di mercato a leader del settore come Air France e British Airways.
Svolta inevitabile
Kenny Jacobs, direttore marketing della compagnia irlandese, ha presentato la svolta come inevitabile: «Le compagnie aeree stanno diventando sempre più intelligenti nelle loro offerte e già il 25% dei clienti di Ryanair viaggia per motivi di lavoro – ha spiegato ai media internazionali – il nostro impegno per migliorare i servizi offerti ai nostri passeggeri continua e sarà sempre maggiore».

di Francesco Tortora da corriere.it

Rispondi