Roma Fontana Barberini soffocata dalle alghe video

ROMA, FONTANA BARBERINI
‘SOFFOCATA’ DALLE ALGHE -VIDEO

ROMA – Caldo misto a smog e alla non curanza delle istituzioni, forse, ma sta di fatto che anche la Fontana del Tritone, in piazza Barberini a Roma, si è ricoperta di alghe verdi, andando ad unirsi a tante altre opere d’arte e fontane della Capitale la cui bellezza rischia di essere offuscata da questa invasione di alghe antiestetiche e sporche.
La Fontana delle Naiadi, il laghetto di Villa Borghese coperto di melma e la fontana di piazza di Santa Maria Maggiore che, come ricorda Il Messaggero, “viene trasformata in un frigorifero per bevute alcoliche: ieri pomeriggio le acque fresche davanti alla Basilica custodivano lattine di birra e un contenitore di vino”. Questi alcuni dei monumenti che quest’estate hanno scatenato la rabbia di molti cittadini romani, costretti a guardare alcuni dei “loro” gioielli soffrire l’effetto di calore, sporcizia e indifferenza.

ALGHE NELLA FONTANA DI PIAZZA REPUBBLICA Verdi, mollicce, maleodoranti. Il braccio immerso nell’acqua torbida rimane intrappolato in una melma viscida. Non siamo a Qingdao, spiaggia della Cina orientale invasa da quella marea verde così ampia da essere fotografata anche dai satelliti. Né sulle coste della Bretagna, dove tonnellate di alghe tossiche hanno provocato la morte di centinaia di animali.
Piazza della Repubblica, ore 15: un muro verde soffoca la Fontana delle Naiadi. Alghe sul fondo dell’acqua diventata torbida, alghe sulle ninfe che sembrano avere lo sguardo triste davanti a tanto scempio su uno dei monumenti più noto di Roma. Lo stesso, ricorda Il Messaggero, scelto, qualche giorno fa, da Woody Allen come scenografia del suo ultimo film in un ciak con protagonista Roberto Benigni.
È stato probabilmente il caldo folle di questi giorni a far fiorire il verde marcio sulla fontana. Caldo e la sporcizia che si accumula quando decine di turisti fanno il pediluvio nella fontana. Ed è sicuramente l’incuria delle istituzioni a regalare lo spettacolo che ha per protagonista il degrado.

Leave a Reply