Rodrigues Island da visitare

Rodrigues Island

Rodrigues_IslandSi può appartenere all’Africa pur essendo a più di mille chilometri dalle sue coste? La risposta è affermativa per quanto riguarda l’arcipelago-nazione posto nel bel mezzo dell’Oceano Indiano chiamato Mauritius. Nelle Isole Mauritius c’è il paradiso nel paradiso, Rodrigues Island, meta di sposi novelli in viaggio di nozze e di turismo di alta fascia.

  • Storia e Turismo

Rodrigues è un’isola vulcanica nata intorno a 10 milioni di anni fa; pur avendo un’estensione molto ridotta (poco più di 100 chilometri quadrati, la minore delle isole Mascarene) è densamente popolata (40 mila abitanti stabili più i turisti che la affollano in ogni stagione dell’anno). Il nome deriva dal navigatore Diogo Rodrigues, uno di quegli esploratori portoghesi che all’inizio del XV secolo aprivano la strada alla grande espansione europea nelle estreme terre del sud est asiatico. In quel periodo, nel Mediterraneo, i turchi iniziavano a imporre la loro influenza sostituendosi ai vecchi dominatori genovesi e veneziani: le grandi potenze marittime del continente cercavano così una strada diversa per i ricchi commerci delle spezie orientali.

Prima dei viaggi di Rodrigues, Bartolomeo Diaz aveva già toccato il Capo di Buona Speranza mentre Vasco da Gama era arrivato, primo tra gli europei, in India completamente via mare. Molti furono i continuatori dell’opera di Diaz e Da Gama e lo si vede dalla toponomastica della zona: le Mascarene devono il loro nome a Pedro Mascarenhas che le “visitò” nel 1513; sempre nel primo decennio del XVI secolo Domingos Fernández esploro proprio le isole Mauritius e a Diogo Rodrigues scoprì l’isola omonima (anno 1538). Rodrigues trovò poi una morte misteriosa a Goa, in India: si pensa che qui fu trucidato dalla popolazione locale dopo che aveva fatto radere al suolo villaggi sul mare (e, cosa assai peggiore, un tempio sacro) per costruire depositi utili ai mercanti portoghesi. Altri attribuiscono però l’assassinio ai commercianti arabi che ostacolavano gli esploratori temendo di perdere il tradizionale monopolio del commercio verso Oriente (cosa che puntualmente avvenne).

Il nome “Rodrigues” non rende però onore ai primi veri “scopritori” dell’isola che furono certamente arabi: già dalla fine del X secolo toccarono le Mascarene esploratori che arrivavano dalle coste africane (probabilmente dalla Somalia e dal Kenia, dove a Mombasa e a Malindi le caste di commercianti erano perennemente in lotta per il dominio dei traffici commerciali). Il primo documento ufficiale che riporta una mappa abbastanza fedele di Rodrigues Island si deve agli studi dell’esploratore arabo al-Idrisi e risale al XII secolo: si tratta di un libro di geografia che stupisce per le conoscenze avanzate degli arabi dove l’isola porta il nome di Dina Moraze.

Dopo essere stata toccata marginalmente dalle esplorazioni portoghesi, l’isola di Rodrigues ospitò olandesi e, per tre secoli, i francesi che qui sbarcarono un gran numero di schiavi provenienti dall’Africa per cercare di sviluppare le coltivazioni di prodotti “coloniali” come la canna da zucchero e il tè. Nel 1809 l’isola, come l’intero arcipelago delle Mauritius, cadde sotto il controllo britannico e vi rimase fino al 1968 quando fu dichiarata la sua indipendenza nell’ambito del Commonwealth.

Le isole occupano una superficie di Oceano Indiano molto grande, ben 1860 chilometri quadrati: non stupirà quindi il fatto che Rodrigues Island Rodrigues_Island_Anse_aux_Anglaissi trovi a più di 500 chilometri ad est da Mauritius e che sia una delle ultime isole prima di un tratto di mare sconfinato che si interrompe solo con l’Australia. Anche considerata la distanza e la specificità storica è molto forte l’autonomismo rispetto alla madre patria Mauritius: attualmente Rodrigues ha lo statuto di dipartimento autonomo ma comunque facente parte della Repubblica di Mauritius.

Per arrivare all’isola si deve fare prima scalo intermedio a Mauritius, da qui Air Mauritius, con un volo giornaliero, in un’ora e mezza porta a destinazione; si può usare anche la motonave (tre corse alla settimana con la compagnia Mauritius Pride) ma è estremamente più lungo e disagevole.

Le lingue ufficiali parlate sull’isola di Rodrigues sono ben tre e rispecchiano interamente la sua storia passata: francese, inglese e “morysien” (il creolo, o mauriziano, una sorta di misto di francese, spagnolo ed olandese). La moneta ufficiale delle Mauritius è la Rupia delle Mauritius.

  • Da visitare

L’attrattiva maggiore di Rodrigues è certamente il mare: difficilmente nel mondo si trova una costa più bella e un acqua così pura.

Barriera corallina e Laguna
Circonda quasi interamente l’isola, è uno spettacolo di colori che, oltre a quello che ci si aspetta di trovare (coralli, pesci di ogni specie, animali marini), offre anche lo stupendo spettacolo dalle gorgonie che qui trovano un habitat perfetto dove proliferare. La barriera chiude una magnifica laguna dove un mare limpidissimo vela in maniera impercettibile i fondali; la laguna è grande due volte l’isola, uno scenario perfetto per tutti gli sport acquatici.

Gita all’interno
Non occorre affittare auto né tanto meno fuoristrada: l’isola non presenta dislivelli consistenti e si gira comodamente a piedi o in bicicletta. Se ci si allontana dalla costa si scopre una vegetazione rigogliosissima dove spiccano le mangrovie.

Mont Limon e Mont Maturin
Sono le uniche due alture dell’isola, non superano i 500 metri di altitudine ma costituiscono un ottimo punto da cui godersi un panorama incredibile sulle spiagge bianchissime e sui promontori calcarei a precipizio sopra il mare.

Anse aux Anglais
È un piccolo villaggio nella parte nord dell’isola, dove la bassa marea crea un ambiente incredibile da cui assistere al tramonto la sera; c’è anche un night club, cosa rara per la tranquillità del luogo.

Riserva François Legeut
Ad Anse Quitor, nel sud dell’isola, nel 2007 è stata avviata un’importante iniziativa per tutelare le tartarughe giganti Cylindraspis, quasi scomparse perché fino a poco tempo fa cacciate dagli abitanti per il loro prezioso grasso usato come medicinale.

  • Cosa fare in vacanze

Il divertimento su Rodrigues Island è essenzialmente legato alle attività marine.Rodrigues_Island1

L’isola è molto tranquilla, nel centro di Port Mathurin ci sono l’unica farmacia e l’unico distributore di benzina. Eppure si può passare un vacanza decisamente stimolante dedicandosi alla scoperta dei magnifici fondali e della barriera corallina: non serve una grande attrezzatura, basta la maschera e tanta voglia di lasciarsi catturare dai colori di Rodrigues.

I più sportivi possono dedicarsi al kitesurf o allo windsurf: sono molte le possibilità di affitto materiali e di lezioni personalizzate.

Si può infine assaporare un tocco di esotico con la gita più classica a Rodrigues: la pesca sulle piroghe, le antiche imbarcazioni ancora oggi usate dalla popolazione, in verità più che altro a fini turistici. La soddisfazione raddoppia con il giusto premio del pesce mangiato direttamente sulla spiaggia dopo una bella grigliata.

da TISCALI


Leave a Reply