Il rilancio turistico di Lampedusa, secondo la Brambilla

Lampedusa: “Ora il rilancio”
Presentato dal ministro del Turismo Brambilla un piano che prevede promozioni (anche all’estero) spot e tariffe aeree scontate. “L’emergenza sbarchi è finita, ora si rischia solo di fare una bella vacanza”

L’emergenza a Lampedusa è finita, ora bisogna rilanciare il turismo. E’ questa la convinzione del Governo italiano, che si appresta a mettere in atto un programma di promozione tra spot pubblicitari, video promozionali e tariffe aeree scontate. I dettagli dell’iniziativa sono stati presentati oggi a Palazzo Chigi dal ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla, insieme con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti (ci sarebbe dovuto essere anche Berlusconi, ma all’ultimo è arrivato il forfait).

L’obiettivo dichiarato è riportare i turisti nell’isola, ora che – spiegano i rappresentanti dell’esecutivo, l’emergenza sbarchi è finita. Anche se il dubbio, è lecito, come dimostra la ripresa degli sbarchi, proprio stanotte. “L’unico rischio che si corre ad andare in vacanza a Lampedusa – ha spiegato il ministro Brambilla – è di fare un viaggio meraviglioso. L’isola è stata restituita alla normalità, quello dell’emergenza immigrazione è un capitolo chiuso, e ai lampedusani e quindi possiamo dare avvio al rilancio del turismo e dell’economia in parte danneggiati dall’emergenza sbarchi”.

Da domani le tre reti Rai trasmetteranno due spot che mostreranno le straordinarie bellezza dell’isola, sarà poi divulgato in Italia e all’estero uno spot promozionale di due minuti  e realizzati una serie di servizi televisivi per la trasmissione di Rai Uno ” Magica Italia”. Grazie a tutte le forze messe in campo dalla Istituzioni e dalle associazioni di categoria il ministro del Turismo ha assicurato che questa “sarà la stagione turistica migliore per Lampedusa. L’isola non ha mai avuto – ha continuato Brambilla – una promozione come quella su cui può contare oggi”.

Il ministero del Turismo ha anche firmato un accordo con Confindustria, Confcommercio e Confesercenti al fine di coinvolgere direttamente le agenzie di viaggio e i tour operetor “ad indicare come prioritaria la meta di Lampedusa, destinazione di eccellenza”. Inoltre le associazioni di categoria si impegnano a predisporre offerte promozionali volte ad accrescere la competitività del turismo locale. “Le indicazioni del protocollo di intesa – ha detto il ministro del Turismo – corrispondono alla realtà delle cose e oltre alle forme di comunicazione e promozione mettiamo a disposizione anche i buoni vacanza anche per l’alta stagione, in questo Lampedusa è la sola eccezione italiana”.

Il ministro Brambilla ha firmato un decreto che estende all’alta stagione, solo per l’isola di Lampedusa, la possibilità di utilizzare i buoni vacanza a disposizione di chi ha redditi bassi, normalmente fruibili in periodi non di picco. Il contributo del governo copre fino al 45% del costo totale del soggiorno. Infine c’è il capitolo trasporti, con la compagnia aerea “Blue Panorama”, che su richiesta del governo, ha predisposto un “piano a supporto del rilancio turistico di Lampedusa” che prevede tariffe scontate per tutta la stagione estiva. Si parte da 40 euro.

La Brambilla ha glissato sull’ipotesi casinò prospettata a suo tempo da Berlusconi. “Ora siamo alla fase 2, quella del rilancio turistico, poi arriveranno altri interventi”, ha concluso Michela Vittoria Brambilla.

da VIAGGI.REPUBBLICA.IT

Leave a Reply