Riforma Brambilla al turismo: risarcimento danno morale per vacanza rovinata

di | Maggio 5, 2011

VACANZA ROVINATA? NEL ‘CODICE’ ARRIVA ANCHE DANNO MORALE

Il danno per le prenotazioni che saltano, il biglietto da pagare daccapo, le spese che schizzano alle stelle. Ma vogliamo mettere il danno psicologico per quella vacanza sognata da tempo e sfumata per il tour operator che scappa con la cassa? E che dire che se e’ un viaggio di nozze ad essere rovinato dalla colpa d’altri? Fino ad oggi si battagliava per vedersi riconosciuto il danno materiale ora sara’ possibile eccepire anche quello morale causato da una vacanza andata in fumo. Lo spiega lo stesso ministro del Turismo, Michela Vittoria Brmabilla, illustrando i capisaldi del codice del turismo approvato oggi dal Consiglio dei ministri.

Il “risarcimento morale per vacanze rovinate – spiega Brambilla – tiene in considerazione anche il valore dell’irripetibilita’ di una vacanza perduta, magari per un viaggio di nozze”. In arrivo maggiori garanzie anche “per il turismo organizzato che verra’ assicurato da una polizza per il rischio di un improvviso ritorno dall’estero, magari per violenze”.

Il codice, tra l’altro, prevede anche nuovi standard per l’attribuzione delle celebri stelle non solo ad alberghi ma anche a bed and breakfast e ostelli. E spazio in favore del turismo ‘animal friendly’.

Una pagina a parte per la tutela dei diritti dei disabili che, sottolinea il ministro del Turismo, “hanno diritto a pari opportunita’ a godere del loro riposo, senza aggravio di prezzo. Noi consideriamo discriminatorio impedire loro di fuire dell’offerta turistica”. .

da AGI.IT

Rispondi