Categorie
roma

Ragazzo di Padova di 18 anni cade nel fossato del Colosseo per farsi un selfie

Colosseo-23Cade nel fossato davanti al Colosseo
per farsi un selfie: grave un ragazzo
Un diciottenne padovano è in prognosi riservata all’ospedale San GiovanniL’incidente davanti a una decina di amici con i quali festeggiava il compleanno

ROMA – Voleva farsi un altro selfie, dopo quelli già scattati con una comitiva di amici per festeggiare i suoi 18 anni. Ma all’alba di lunedì un ragazzo veneto, Mattia M., originario della provincia di Padova, ha scelto il Colosseo. Solo che per raggiungerlo, il giovane ha scavalcato una ringhiera di vetro e ferro davanti al monumento ed è scivolato nel terrapieno restando gravemente ferito. IL giovane è ricoverato in prognosi riservata all’ospedale San Giovanni. Con lui, alle 5 del mattino, c’erano una decina di amici che lo conoscevano da tempo dopo aver partecipato a una vacanza a New York. E sono stati loro a dare l’allarme.

L’incidente è avvenuto sul marciapiede che collega piazza del Colosseo a via Celio Vibenna, ogni giorno percorso da migliaia di turisti. All’alba di lunedì, invece, non c’era nessuno a parte la comitiva di Mattia, composta da ragazzi provenienti da tutta Italia. Secondo la ricostruzione dei carabinieri della compagnia Piazza Dante, i giovani – che avevano trascorso la serata e poi la nottata fra il centro e le Terme di Caracalla – si sono avvicinati al Colosseo per scattare fotografie. Poi hanno deciso di scendere sotto all’Anfiteatro Flavio per i selfie, ma Mattia ha perso l’equilibrio ed è caduto, sbattendo con violenza la testa sui pietroni antichi dello spiazzo sottostante, fuori dal Colosseo.
Gli investigatori: «Nessun giallo, solo una caduta accidentale»
Gli investigatori dell’Arma hanno svolto un sopralluogo nel luogo dell’incidente. Fino a questo momento non sarebbero emersi elementi che possano far pensare a una dinamica diversa da quella di una caduta accidentale. Nè sono emersi problemi nella sicurezza delle protezioni del terrapieno.

di Rinaldo Frignani da corriere.it

Rispondi