Pomaria Pomi in Val di Non

Che mele! Pomi in festa in Val di Non
Come da tradizione, torna Pomaria, la kermesse dedicata alla regina dei frutti trentini, la mela. Laboratori, gite nei frutteti, menu speciali e opere d’arte fruttata. Con offerte per il weekend. Il 9 e 10

Moto e wellness è la nuova proposta dei Pineta Hotels. Massaggi per i motociclisti, garage e lavanderia. E mappa per i tour in sella

Si mangiano ma vanno anche toccate con mano, le mele. Così si fa a Pomaria, la grande festa del raccolto della Val di Non che dedica alla regina dei frutti trentini un weekend succoso. Le mele, come ogni anno, si danno appuntamento nel piccolo borgo di Casez, dal 9 al 10 ottobre, per deliziare grandi e piccini con un tripudio di sapori e profumi. E, naturalmente, un calendario ricco di eventi per gustarle in tutte le salse.

Si inizia con Cogli la prima mela per imparare l’arte di “tirar giù dall’albero” i frutti maturi: si va nel frutteto (a piedi o con il Melabus) e, insieme ai maestri raccoglitori, si riempie una cassetta da 15 kg che poi ognuno porta a casa (15 €). Per ghiotti chef in erba, due proposte: Le coccole di mammina, il laboratorio di confetture home made, con degustazione finale (4 €) e Mani in pasta, dove protagonista è invece lo strudel, da portar via ancora fumante (6,50 €).

Mele a go-go ma non solo anche nei menu speciali serviti sulle tavole dei ristoranti di Casez e nelle isole gastronomiche allestite in piazza. Insalatina di mela con speck, noci, Trentingrana e bacche del bosco; lasagnette di grano saraceno alla selvaggina alpina; filetto di maiale in salsa di mela Renetta e patate alla pancetta (menu fisso 30 €, bevande incluse). E che dire delle merende pomeridiane e degli spuntini tradizionali? Perfetti per rimpinzarsi di formaggi e salami (e variare un po’ da mele&co).

Chi preferisce un personal trainer del gusto, può iscriversi alle degustazioni guidate o alle lezioni di sapore by Slow Food. Tra le specialità, Mortandela affumicata della Val di Non e birra di castagne (3 €). Novità assoluta, Pom’Arte, il concorso di opere d’arte fruttate realizzate per abbellire il centro cittadino. I soggetti? Nemmeno a dirlo, le mele. Per l’occasione, offerte weekend in agriturismo e hotel, con pranzi e cene a base di prodotti tipici, tour nelle aziende produttrici di sidro e di balsamico alla mela ed escursioni nei canyon della Val di Non e al Santuario di San Romedio (pacchetti da 115 € a persona in doppia con 2 pernottamenti). In alternativa, un suggestivo on the road lungo la celebre Strada delle mele.

Alessandra Turci da corriere.it

Leave a Reply