Perù tra shopping e turismo

Shopping in Perù
Il meglio dell’handmade andino

perùIl Perú è da sempre noto per la qualità e la bellezza delle sue creazioni artigianali.

La tradizione millenaria degli indios permane nei piccoli villaggi ai margini delle città o lungo le Ande e i manufatti realizzati vengono poi venduti nella capitale, nei mercati, per la strada.

I ponchos sono forse i più caratteristici: larghi mantelli realizzati con un foro centrale per il passaggio della testa, che le popolazioni autoctone della zona andina tessono a mano con grande bravura; quelli originali sono fatti con lana di alpaca, una fibra termica che impedisce la dispersione del calore corporeo, prerogativa indispensabile per chi vive a grandi altezze. Con la stessa lana si realizzano anche arazzi multicolori, che raffigurano i tipici villaggi andini. I primi arazzi peruviani risalgono al IX secolo a.C.  e trovarli è facile solo per chi ha occhio da esperto. Con la lana di alpaca e di vigogna si realizzano anche caldissimi maglioni.

Davvero particolari sono le cerbottane utilizzate dalle comunità indigene della regione amazzonica per cacciare e per pescare; oggi sono molto ricercate nei mercatini e nei negozi dell’intero paese come oggetti ornamentali.

Con la pietra di Huamanga, soprannominata “marmo peruviano” per il suo colore grigio rosato, si realizzano oggetti e personaggi per presepi, oltre a piccoli doni da regalare in occasione di festività.

Le zucche vuote intagliate con motivi geometrici stilizzati erano lavorate nella località di Huaca Prieta già nel III millennio a.C. e servivano a realizzare bicchieri, scodelle e bottiglie da portare con sé durante i lunghi viaggi, in modo da avere oggetti meno pesanti e più resistenti ai lunghi spostamenti. Oggi non è difficile reperire nei mercati le imitazioni degli oggetti originali.

Se vige la regola “prima guardare e poi acquistare”, a Lima si può trovare di tutto e vale la pena caricarsi soltanto quando la vacanza volge al termine, armati di una valigia di riserva, pronta a prendere il volo.

La capitale infatti, è sede di alcuni mercati di oggettistica artigianale molto importanti, su tutti quello che si tiene in centro città, sempre moltoperù_tessuti affollato. Più tranquillo e caratteristico è il mercato di Miraflores, dove i prezzi sono anche più contenuti. Nel quartiere omonimo (ave. Petit Thouars) si fa shopping, lungo le vie fiancheggiate da piccoli negozi che vendono a un buon prezzo la maggior parte dei prodotti caratteristici del paese.

Splendido il mercato dei fiori e degli uccelli, lungo le rive del Río Rímac, aperto tutti i giorni dall’alba al tramonto, una vera festa di suoni e colori. Anche il mercato di Pueblo Libre (ave. La Marina) è molto fornito.

Tra fine luglio e i primi di agosto si svolge a Lima un festival dedicato all’artigianato del Perú, sul piazzale davanti al Museo de la Nación.

U. Lacatena

da TGCOM

Leave a Reply