Parigi Hotel Hi Matic albergo senza personale tutto automatico

Hotel Hi Matic: a Parigi un albergo tutto automatizzato
iPad e Wi-fi gratuito, ma niente personale umano. È questa la nuova soluzione di una struttura nella capitale francese. Tra cucina bio e design minimale
La tecnologia è ormai parte integrante della nostra vita: al lavoro, durante il tempo libero e in viaggio. Ora però si può provare un’esperienza hi-tech a 360 gradi.
A Parigi è stato aperto al pubblico l’Hotel Hi Matic. Il prefisso del nome parla da sé: questa struttura alberghiera è totalmente automatizzata: niente personale ma iPad ad accogliere il cliente. Il check in e il check out vengono effettuati con i codici riportati sulla prenotazione online e per il resto si può usufruire di tecnologie che vanno dal wi-fi gratuito a distributori automatici per ogni esigenza.

Pensato dal designer Matali Crasset, l’hotel mescola uno stile sobrio, quasi da bed and breakfast di campagna con soluzioni ecologiche e poliedriche: ogni spazio viene sfruttato al meglio, quello che di notte è un letto, di giorno può diventare un divano o un tavolo.
E per quanto riguiarda il cibo? Ovviamente prodotti alimentari di derivazione biologica.

Tutto è personalizzabile e tra i servizi offerti ci sono anche musica o libri selezionabili per via tecnologica, per ottimizzare, secondo le proprie esigenze, il tipo di soggiorno che si vuole effettuare.

Uno stile che ricorda un po’ quello minimale giapponese unito però alla tecnologia di ultima generazione. L’hotel ha 42 camere e i costi si aggirano intorno ai 130 Eu a notte, che, se proprio non è una soluzione low cost, come viene precisato nella prima pagina del sito, non è nemmeno un prezzo troppo lontano da quello degli altri alberghi nel centro di Parigi.

Lo stesso designer ha già proposto un ambiente nuovo nell’Hi Hotel a Nizza, anche lì in pieno centro, sulla Promenade des Anglais: l’evoluzione del concetto stesso di struttura alberghiera, c’è da pensare, sta cambiando.

di Simona Buscaglia da mentelocale.it

Leave a Reply