Categorie
roma ultime notizie

La “moglie” di Gesù in un antico papiro copto

Svelato antico frammento di papiro che parla della «moglie» di Gesù
Il testo risale al quarto secolo e contiene anche la frase:
«Lei sarà in grado di essere mia discepola»

Una storica della Cristianità antica della Harvard Divinity School ha svelato – nel corso del Convegno Internazionale di Studi Copti a Roma – un antico frammento di papiro in cui Gesù farebbe riferimento a una «moglie».

La notizia è apparsa su diversi siti internazionali, tra cui quello del New York Times e della Bbc. Secondo la studiosa, Karen L. King, il frammento – scritto in copto e risalente al quarto secolo – conterrebbe una frase mai esistita nelle Sacre Scritture: «Gesù disse loro: “Mia moglie…”».

Il frammento di papiro è sbiadito e le sue dimensioni sono più piccole di quelle di un biglietto da visita. Su un lato, ci sono otto righe scritte con inchiostro nero, leggibili solo con la lente d’ingrandimento. Il testo conterebbe presumibilmente anche la frase: «Lei sarà in grado di essere mia discepola».

La provenienza del frammento è sconosciuta e anche il suo proprietario ha chiesto di restare anonimo. La studiosa di Harvard aveva finora condiviso le sue scoperte solo con un ristretto circolo di esperti in papirologia e linguistica. Adesso però chiede che anche altri studiosi si esprimano sul frammento.

La docente ha anche incontrato la scorsa settimana i giornalisti del New York Times, del Boston Globe e dell’Harvard Magazine, mostrando loro il frammento. In quell’occasione la King ha precisato che il papiro non può essere considerato una prova che il Gesù storico fu davvero sposato. Il testo fu scritto secoli dopo la vita di Gesù ma è interessante – dice la studiosa – perché sarebbe l’attestazione di un dibattito, anche tra i primi fedeli, sul valore del celibato nella Chiesa e sul ruolo della donna nella Cristianità.

L’idea che Gesù potesse avere una moglie è contenuta nel bestseller «Il codice da Vinci». «Ma – precisa la King – non è una prova che Dan Brown avesse ragione».

da CORRIERE.IT

Rispondi