Old Maps Online le mappe geografiche della storia

Old Maps Online, il paradiso digitale delle vecchie mappe

60,000 mappe storiche, dal 1500 a oggi, tutte a portata di clic. E’ lo straordinario patrimonio offerto da Old Maps Online, il nuovo sito lanciato nei giorni scorsi dall’università di Portsmouth. Una piattaforma, sviluppata dalla società svizzera Klokan, che fonde l’estetica e gli strumenti di navigazione delle Google Maps con le carte e le mappe con cui nel corso dei secoli i nostri antenati hanno disegnato e raccontato il mondo, seguendone lo sviluppo urbanistico e definendone in modo sempre più preciso i contorni.

L’interfaccia è intuitiva, la navigazione immediata. La parte centrale del sito è occupata da una mappa del pianeta ai giorni nostri: man mano che l’utente seleziona l’area di suo interesse, sulla fascia a destra viene aggiornato l’elenco delle mappe storiche relative, disponibili nel servizio. Le mappe in questione non sono archiviate nei server di Old Maps Online, ma in quelle dei vari partner dell’iniziativa (dalla British Library, all’americana David Rumsey Collection, alla Biblioteca Regionale della Moravia di Brno). Old Maps Online svolge insomma la funzione di aggregatore, permettendo all’utente di accedere in un colpo solo a diversi archivi esterni già digitalizzati, ma finora difficili da esplorare.

Il servizio è pensato non solo per rendere la vita più semplice a storici e studiosi in materia cartografica, ma anche per stuzzicare la curiosità del visitatore occasionale. In pochi minuti ci si può immergere in un affascinante viaggio nello spazio e nel tempo, che – per esempio – può portarti a riscoprire la Torino del diciassettesimo secolo nella mappa tracciata a inizio Settecento da Herman van Loon: una città piccola, ancora fortificata, eppure già ben delineata nel suo scacchiere centrale con Piazza Castello, Piazza Carlina e quelle che sarebbero diventate Piazza San Carlo e Porta Nuova

Attualmente l’archivio comprende 60,000 mappe. La più vecchia riguarda l’area dell’est europeo (Serbia, Valacchia, Bulgaria, Romania) ed è stata disegnata nel sedicesimo secolo dal cartografo fiammingo Gerardus Mercator. Entro la fine dell’anno, Old Maps Online conta di raddoppiare l’offerta, con l’aggiunta dei documenti forniti dalla New York Public Library, dalla università di Harvard e da alcune biblioteche europee.
LUCA CASTELLI da latampa.it

Leave a Reply