Categorie
crociere

Navi da crociera più sicure con due progetti europei una piastrina elettronica trova passeggeri e nuove progettazioni per rimanere a galla in caso di collisioni o incagli

SS_United_States_guerra_nave_crociera2Le navi da crociera saranno più sicure grazie alle piastrine elettroniche
I risultati di due ricerca finanziate dall’Unione Europea: un sistema di identificazione dei passeggeri e un altro per rendere i natanti più stabili

La prima è stata chiamata progetto triennale Lynceus, terminerà all’inizio del 2015 e dimostra di come le tecnologie senza fili a basso consumo possano aiutare a localizzare e rintracciare le persone a bordo delle navi, fornendo informazioni essenziali in caso di evacuazione, e a migliorare la ricerca e il salvataggio in mare. Il tutto si basa su piatrine elettroniche nei giubotti salvagente, ma che in altre configurazioni possono anche servire a localizzare i bambini sulle grandi navi passeggeri.  L’obiettivo è quello di rivoluzionare le attuali pratiche di gestione e di evacuazione in caso di emergenza. Grazie a questa ricerca in futuro l’evacuazione delle grandi navi passeggeri potrebbe essere ancora più facile e sicura.

“Abbiamo messo a punto delle piastrine elettroniche senza fili innovative che possono essere inserite nei giubbotti salvagente, in modo da individuare facilmente l’ubicazione delle persone a bordo della nave”, ha dichiarato il Anastasis Kounoudes, responsabile del settore tecnico e amministratore delegato di Signalgenerix, uno dei partner del progetto. “Ciò fornirà agli addetti alla sicurezza l’ubicazione esatta di ogni passeggero e membro dell’equipaggio durante una evacuazione”.

Questa tecnologia può essere utilizzata anche per monitorare la salute dei pazienti mediante l’applicazione di speciali braccialetti, o per aiutare i genitori a localizzare i figli a bordo di grandi navi da crociera che trasportano migliaia di passeggeri e membri dell’equipaggio. I ricercatori coinvolti nel progetto hanno anche sviluppato un dispositivo radar in grado di individuare l’esatta ubicazione dei passeggeri caduti in mare.

Ricercatori finanziati dall’Ue stanno inoltre contribuendo alla progettazione di navi da crociera e traghetti più stabili. Il progetto Goalds, concluso nel 2012, ha creato nuovi modelli per le grandi navi da crociera in modo da aumentarne la sicurezza in caso di collisione o di incaglio. Grazie alla nuova progettazione le navi avrebbero fino al 20 per cento in più di possibilità di superare incagli e collisioni.

da repubblica.it

Rispondi