Categorie
alberghi economia turismo

Maggio salgono i prezzi degli alberghi

Maggio, sale temperatura e… prezzo hotel
Di media si spende il 5 % in piu’ rispetto ad aprile

La bella stagione si avvicina, cresce la voglia di concedersi una vacanza e i listini degli hotel iniziano a salire, soprattutto nelle località che ospitano eventi di richiamo turistico. A individuare il trend è l’Osservatorio di Trivago, secondo cui a maggio il prezzo medio per una camera doppia standard in Italia è di 154 euro, il 5% in più rispetto ad aprile.

Per soggiornare a Venezia e Firenze questo mese si spenderà l’11% in più, a Roma i prezzi registrano una crescita del 6% mentre Milano si mostra in controtendenza con una flessione del 13%. La maglia d’oro per il ritocco delle tariffe spetta a Porto Cervo, dove i listini si impennano del 32%, ma anche Torino si difende bene con un incremento del 22%

A Venezia l’attesa per le regate dell’America’s Cup è alta, così come le tariffe alberghiere. Una camera doppia durante le regate della World Series costerà in media 261 euro. Effetto speculare a Torino, dove il Salone del Libro che aprirà il 10 maggio fa lievitare i listini. La città della Mole Antonelliana è comunque più economica della laguna e l’aumento, sebbene considerevole, porta il prezzo medio a 133 euro.

Complici i primi raggi di sole, i listini lievitano anche in molte delle destinazioni di mare più amate. Porto Cervo guida la classifica dei ritocchi con un incremento del 32% e un prezzo medio che sale a 191 euro, seguita dalle principali mete campane: Amalfi (175 euro) e Sorrento (152 euro) segnano un rialzo del 22%, e Capri registra un più 18%. I prezzi degli hotel aumentano poi a Santa Margherita Ligure (203 euro, +10%) e a Taormina (180 euro, +8%).

Sul fronte opposto, i listini alberghieri fermi a 82 euro a notte rendono l’Abruzzo la regione più conveniente d’Italia in fatto di soggiorni. Seguono la Calabria e il Molise che si attestano rispettivamente sugli 88 euro e i 93 euro per una camera doppia standard. Il Veneto spicca invece tra le regioni più care, con tariffe medie di 199 euro, trascinate dall’impennata dei prezzi di Venezia. Sul podio delle più care anche il Lazio (170 euro) e la Toscana (150 euro). Più economiche le isole maggiori, con la Sardegna a 119 euro e la Sicilia a 111 euro. Gli aumenti praticati nelle località balneari, tuttavia, fanno aumentare il prezzo medio delle due regioni del 17% e del 6% rispettivamente.

Se la spesa da affrontare cresce in Italia, non va meglio all’estero, dove l’Osservatorio indica rialzi in 40 località delle 50 prese in esame. Ginevra, città più cara d’Europa, segna un +15% attestandosi su un prezzo medio di 271 euro a notte. Incremento significativo a Cannes, dove il 16 maggio avrà inizio il 65esimo Festival del Cinema: il boom delle ricerche per la kermesse cinematografica ha fatto lievitare i prezzi del 30% in confronto ad aprile. Gli aumenti toccano anche l’Europa dell’Est e in particolare Bucarest (104 euro) dove i ritocchi sono del 37%, Varsavia (94 euro, +18%) e Budapest (92 euro, +14%). Rialzi più contenuti, infine, a Londra (212 euro, +8%) e a Parigi (197 euro, +7%).

da Ansa.it

Rispondi