Londra a Natale

Londra natalizia tra shopping e mostre d’arte

A dicembre Londra è al culmine del suo splendore grazie ai grandi negozi aperti tutto il giorno, in vista anche dei saldi che inizieranno il 26 dicembre. La metropoli britannica è tutto uno sfavillare di vetrine e di luminarie spettacolari. Il periodo natalizio offre inoltre mostre irripetibili. Fino a metà gennaio la National Gallery con Canaletto e la Tate Modern con Gauguin accoglieranno moltissimi visitatori.

Ripercorriamo un itinerario che parte dalla Tate Modern a Bankside per arrivare a Oxford Street, arteria commerciale di Londra. Per il pernottamento si può optare per Southwark, dove si trovano numerose catene internazionali tra cui l’Holiday Inn, proprio alle spalle della Tate Modern. Questo museo d’arte contemporanea è un bell’esempio di riqualificazione industriale. L’edificio in mattoni a vista con l’alta ciminiera al centro nasce in realtà come una centrale elettrica rimasta in funzione fino al 1981. L’architetto che progettò questo edificio negli anni Cinquanta è Sir Giles Robert Scott lo stesso della Battersea Power Station, edificio in mattoni con quattro ciminiere bianche che è visibile da tutti i treni che partono da Victoria Station. Oggi la Tate Modern è uno dei musei d’arte contemporanea più importanti al mondo con circa cinque milioni di visitatori all’anno. Fino al 16 gennaio ospiterà la mostra dedicata al pittore francese Paul Gauguin dal titolo “Maker Myth”. E’ un evento importante per la scena culturale londinese, dato che l’ultima retrospettiva su questo artista risale a oltre trent’anni fa.

Dalla Tate Modern una lunga passeggiata, detta The Queen’s walk, lungo le rive del Tamigi porta fino alla stazione di Charing Cross attraverso bancarelle di libri e locali all’aperto. Si prosegue lungo lo Strand verso Trafalgar Square, dove la National Gallery ospita una delle più grandi mostre mai allestite su Canaletto dal titolo: “Venice: Canaletto and His Rivals”. Del resto, questo pittore è di casa in Gran Bretagna poiché la regina Elisabetta ne è tra i massimi collezionisti. Dalla National Gallery a Piccadilly Circus, cuore pulsante del traffico londinese, il passo è breve. Qui cominciamo a trovare delle ottime occasioni di acquisto da Lillywhites per tutto ciò che riguarda l’abbigliamento sportivo. Si trova proprio accanto alla famosa statua di bronzo di Cupido e di fronte ai sorprendenti schermi pubblicitari animati su cui scorrono marche conosciute in tutto il mondo.

Lo spettacolo serale è davvero degno di una metropoli cosmopolita e proiettata verso il futuro. Per chi volesse fare una pausa per un tè oppure per pranzare si consiglia vivamente il Criterion Restaurant al numero 224 di Piccadilly. Il soffitto a mosaico dorato di epoca vittoriana e le luci calde di questo ristorante cosy hanno suggerito ad Arthur Conan Doyle di ambientare proprio qui l’inizio dell’amicizia tra Sherlock Holmes e il Dottor Watson.

Da Piccadilly si può percorrere Regent Street e fare una visita da Hamleys, uno dei più grandi negozi di giocattoli d’Inghilterra che si articola su ben cinque piani. La gente per strada è tantissima e le vie più trafficate sono addirittura trasformate in aree pedonali come Regent Street e la stessa Oxford Street, dove si vedono spesso passanti con le tipiche borse di carta gialla di Selfridges, storico grande magazzino di Oxford Street.  Le giornate sono brevi e intense per il freddo. Londra resta una grande capitale che conserva ancora il fascino dei romanzi di Dickens, solo che alla fuliggine dei camini si è sostituito il vapore dai tetti dei grattacieli.

Michele Caracciolo di Brienza da lastampa.it