Le nozze tra il principe Alberto e Charlene di Monaco

Secondo ‘oui’ per Alberto e Charlene Nozze reali a Montecarlo
Teste coronate, personalità e tanti vip per la cerimonia religiosa. La sposa ha indossato un abito bianco di Armani con lungo strascico e velo
Alberto II di Monaco e Charlene Wittstock hanno pronunciato il loro secondo “oui” nella corte d’onore di palazzo Grimaldi, trasformata per la cerimonia religiosa in una sontuosa cattedrale all’aperto. Ieri la coppia si era sposata con rito civile nella sala del trono di Palazzo Grimaldi.

I due hanno detto “sì” davanti alle telecamere di mezzo mondo tenendosi mano nella mano. Subito dopo si sono scambiati gli anelli: Charlene ha infilato la fede al dito di Alberto e ha sorriso emozionata, mentre sullo sfondo cominciava a cantare la soprano americana Renée Fleming.

Nella lunga attesa che ha preceduto l’inizio della cerimonia, officiata dall’arcivescovo di Monaco Monsignore Bernard Barsi, il principe monegasco – in una uniforme estiva bianca dei carabinieri di Monaco – ha strizzato l’occhio alla moglie, fasciata in uno splendido abito bianco di Armani con 4 metri di strascico. Un vestito di seta, arricchito da un ricamo floreale di cristalli Swarovski e gocce di madreperla sul davanti e sul dietro, da cui nasceva la seconda e lunghissima coda all’’Andrienne’. Con in mano un bouquet di fiori bianchi, l’ex atleta ha raggiunto l’altare sul tappeto rosso al braccio del padre Michael.

Accanto agli sposi i testimoni: per lui il primo cugino Chris Le Vine, uno dei nipoti della principessa Grace Kelly, e per lei l’amica Donatella Knecht de Massy, parente da parte di Ranieri.

La cerimonia si è svolta sotto gli occhi ammirati dei circa 3.500 monegaschi riuniti nella piazza del Palazzo e agli altri 800 invitati con la famiglia Grimaldi al gran completo. La più fotografata è stata sicuramente Charlotte Casiraghi, vestita con uno Chanel rosa e una discreta veletta, insieme al fidanzato Alex Dellal. Presenti anche i fratelli, Pierre e Andrea, con le rispettive fidanzate; l principessa Stephanie, visibilmente commossa al braccio del suo primogenito Louis Ducruet e accompagnata dalle figlie; e Carolina, insieme all’ultimogenita, Alexandra di Hannover.

Tra i primi a giungere, Karl Lagerfeld (autore, insieme alla sposa) dell’abito celeste polvere con cui Charlene si era sposata civilmente e Giorgio Armani, che ha disegnato – appunto – l’abito bianco della cerimonia di odierna.

Presenti anche le famiglie reali europei, tra cui la principessa Madeleine di Svezia, accompagnata dal fratello il principe Carl Philip, e la sorella maggiore, la principessa futura regina di Svezia, Victoria. E ancora Paola ed Alberto del Belgio; Haakon di Norvegia con la moglie Mette-Marit; il principe ereditario Frederic di Danimarca, insieme alla moglie Mary. La principessa Lalla Meriem del Marocco, nonché Emanuele Filiberto di Savoia con la moglie Clotilde Coureau, in abito rosa corallo.

Molte le personalità del principato: l’ex musa di Chanel, Ines La Fressange, amica della principessa Carolina, accompagnata dalle figlie Violette e Nine; Roger Moore molto applaudito; l’uomo d’affari, Bernard Arnoult e Bernardette Chirac, con un elegante cappello blu Navy. La top-model Naomi Campbell era in un lungo abito scivolato verde smeraldo. Applauditissimo il presidente francese Nicolas Sarkozy, senza la moglie, Carla Bruni, in vacanza nella villa di famiglia, non lontano sulla costa Azzurra, ma ormai in avanzato stato di gravidanza. A rappresentare l’Italia, il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, accompagnato dalla moglie in abito scuro con cappello bluette.

Al termine della funzione religiosa, Alberto e Charlene sono saliti a bordo di una Lexus ibrida decappotabile per raggiungere la Chiesa di Santa Devota, patrona del principato, dove la neo-principessa di Monaco ha deposto il suo bouquet come fece Grace Kelly 55 anni fa. Durante il percorso una folla festante ha salutato i novelli sposi.

Davanti a 130 fedeli e alle telecamere presenti all’interno della cappella, Charlene commossa, non è riuscita a trattenere le lacrime. La neo sposa ha quindi deposto un bouquet sull’altare dove riposano le reliquie della Santa Devota, ai piedi di una Vergine in marmo bianco. Dopo un momento di raccoglimento, gli sposi sono risaliti a bordo della Lexus per fare ritorno nel Palazzo principesco per le foto di rito e per il banchetto nuziale

da quotidiano.net

Leave a Reply