La notte delle Geminidi le stelle cadenti d’inverno

GEMINIDI, STANOTTE LE STELLE CADENTI
D’INVERNO: “SARANNO VISIBILI FINO A SABATO”

ROMA – Una pioggia di stelle cadenti illuminerà il cielo della notte di Santa Lucia, erroneamente considerata la più lunga dell’anno. Questa sera si entrerà infatti nel vivo dello sciame meteorico delle Geminidi, e si potranno osservare ad occhio nudo fino a 100 meteore all’ora, neve, pioggia e nuvole permettendo.
Comparabili per quantità e brillantezza alle Perseidi di agosto, le Geminidi si chiamano così perchè la regione di cielo dalla quale sembrano provenire coincide con quella della costellazione dei Gemelli. Sono meteore piuttosto insolite: non sono generate dai detriti di una cometa, bensì da un asteroide chiamato 3200 Phaeton, rimasto vittima di uno scontro oltre l’orbita di Marte e che ora si porta dietro una nuvola di detriti. Scoperte nel 1862, la loro intensità sembra andare in crescendo negli ultimi anni, con picchi di 120-160 meteore per ora in alcuni anni.
La loro pioggia (visibile fino al 15 dicembre) entrerà nel vivo stanotte, quando saranno visibili fino a 100 meteore all’ora. «Le circostanze con cui potremo osservarle quest’anno sono parecchio favorevoli – spiegano gli esperti della Unione astrofili italiani (Uai) – dato che non ci sarà il disturbo della Luna e che la maggior frequenza dovrebbe verificarsi verso la mattina. Si potranno quindi ottenere le osservazioni più utili soprattutto dalla mezzanotte all’alba, quando il radiante sarà più alto sopra l’orizzonte. Le vedremo irradiarsi da un’area poco a nord-ovest di Castore, in numero maggiore prima del massimo, anche se meno luminose».

da leggo.it

Leave a Reply