Categorie
montagna Veneto

La casa di Fiorello a Cortina

Belluno. Fiorello compra casa a Cortina:
5 milioni per undici vani a Cianderìes

L’acquisto dell’iommobile, in una delle zone più esclusive della
città, avvenne il giorno dello spettacolo a favore degli alluvionati

BELLUNO – Lo showman Rosario Fiorello non sarà cittadino onorario di Cortina, come chiese qualcuno, dopo il suo spettacolo benefico del 24 febbraio scorso a favore degli alluvionati del Veneto, ma di certo il suo legame con la conca d’Ampezzo si è consolidato, con l’acquisto di una casa. Proprio quel giorno, il popolare mattatore televisivo e radiofonico comperò un appartamento a Cianderìes, in una delle zone residenziali più esclusive, che è lontana dalle strade più trafficate ma, al tempo stesso, è facile da raggiungere, a poche centinaia di metri dal centro. All’ufficio tavolare del Comune di Cortina, dove sono registrati tutti gli atti che riguardano gli immobili, secondo l’antica e funzionale amministrazione asburgica, risulta anche la cifra ufficiale, concordata fra le parti, per la compravendita: 5 milioni 120 mila euro.

Nella descrizione dell’immobile, con orientamento sud est, quindi con una spettacolare esposizione al sole, si contano undici vani, con ingresso, soggiorno pranzo, cucina, quattro camere, due bagni, ripostiglio, terrazza, oltre ad un posto auto nella rimessa interrata. L’appartamento è stato venduto da Nedda Polonia, Antonella e Elisabeth Scrocco, vedova e figlie di Aristide Scrocco, della nota famiglia di costruttori edili.

L’atto è stato sottoscritto, davanti a Francesca Ruggiero, il notaio di Cortina, il 24 febbraio 2011, il giorno stesso dello spettacolo all’Alexander Girardi, seguito da oltre seicento persone. La firma sulla compravendita non è di Rosario Fiorello, ma della moglie Susanna Biondi, in qualità di procuratrice. Mediatore della compravendita risulta l’agenzia d’affari Menardi, di Giovanni Valle, che ha percepito 150 mila euro.

Nel suo spettacolo del 24 febbraio, Fiorello prese garbatamente in giro i ricchi ospiti della conca: «Siete un branco di poveracci ma, nonostante tutto, siete stati generosi. Tutti comunisti, quelli che vengono a Cortina, non c’hanno una lira, stanno veramente male: il più pezzente c’ha l’Hammer. E lo parcheggia davanti al panificio Alverà» – esordì dalla platea, prima di salire sul palco.

Nel frattempo, proprio in questi giorni, in data 12 maggio 2011, è stata pubblicata la delibera della giunta comunale di Cortina, votata il 29 marzo scorso, con la quale si versano 20 mila euro agli alluvionati veneti dell’autunno scorso, come provento della spettacolo di Fiorello del 24 febbraio. Tutta la pratica è stata seguita dalla società comunale Gestione impianti sportivi, che organizzò l’evento, gestì gli introiti, svolse le funzioni di tesoreria, nell’ambito dell’iniziativa benefica.

di Marco Dibona da gazzettino.it

Rispondi