L’ Idroscalo sarà messo a nuovo

Teatro, piscine e piste da sci all’Idroscalo
Sei milioni di euro da Provincia e Regione per dare un nuovo futuro al “mare di Milano”

Rinasce, a 80 anni dalla sua inaugurazione, il “mare di Milano”: l’Idroscalo sarà riqualificato grazie a un finanziamento straordinario di 6 milioni di euro di Regione Lombardia e Provincia di Milano. In totale, 18 interventi strutturali, inquadrati nel più ampio progetto di rilancio del parco delineato nel 2009 all’interno del Tavolo Lombardia per l’Expo. “All’Idroscalo – spiega il presidente della Regione Roberto Formigoni – si capisce cosa intendiamo quando parliamo di Expo diffuso: un evento cioè che non vivrà solo all’interno del sito espositivo, ma che coinvolgerà la città di Milano e la Lombardia. Grazie all’Idroscalo, già inserito nel sistema turistico metropolitano, vogliamo aumentare l’attrattività del territorio”.
In occasione della firma della convenzione tra Regione, Provincia, e comuni di Segrate e Peschiera Borromeo si è insediata ieri anche la Conferenza incaricata di definire l’Accordo di programma per l’ampliamento del 30% della superficie del parco che si estenderà per oltre 2,2 milioni di metri quadrati. Il nuovo giardino si insedierà nelle aree limitrofe che saranno cedute dai comuni di Segrate, di Peschiera Borromeo, e dalla Sea, che gestisce l’aeroporto di Linate. L’Accordo prevede anche la nomina di un advisor che dovrà stimare il valore dell’Idroscalo e verificarne le potenzialità, anche nell’ottica della costituzione di una società di gestione che potrebbe aprirsi a soci privati. Entro dicembre l’advisor presenterà un piano complessivo di rilancio e un cronoprogramma per la creazione di una società patrimoniale alla quale parteciperanno i comuni di Segrate e Peschiera. “L’ingresso dei privati è una riflessione che possiamo fare. L’intendimento – ha detto il presidente della Provincia Guido Podestà – è certamente quello di cogliere le possibilità di aggregare anche competenze del privato, ma è qualcosa che deve ancora maturare”.
Dei 18 interventi previsti, i cui bandi per le gare d’appalto saranno pubblicati a breve per far partire i lavori già nella prossima primavera, quelli di riqualificazione e manutenzione straordinaria degli edifici e delle strutture esistenti spetteranno alla Provincia, mentre a realizzare le opere sul verde e sul paesaggio sarà la Regione. Tra gli interventi la valorizzazione in chiave naturalistica del laghetto delle vergini e della laguna presso la spiaggia est, la realizzazione di un teatro all’aperto, integrato nel parco e dedicato a eventi culturali, una pista di pattinaggio su ghiaccio e una per lo sci di fondo, un nuovo “villaggio del bambino” con giochi d’acqua, il completamento della rete ciclopedonale con i comuni limitrofi, la creazione di nuove aree relax e per il picnic. “È nostro interesse e nostro compito stringere il più possibile i tempi, fermo restando che l’Expo costituirà senza dubbio uno degli “approdi” di maggior rilievo per il progetto. Le famiglie – spiega il governatore – avranno a disposizione ben prima strutture sportive e di ricreazione nuove e funzionali”.
“Nel lato sud – ha annunciato Podestà – sorgerà un nuovo centro di medicina dello sport che in futuro, con l’acquisizione delle nuove aree, potrebbe essere integrato a un nuovo Stadio del nuoto, struttura che manca al territorio e che permetterà di ospitare campionati mondiali ed europei”. Tra le idee allo studio anche una struttura ricettiva sportiva da realizzarsi per il 2015, anno per il quale l’Idroscalo si candiderà a ospitare i mondiali di canottaggio.

di Marta Bravi da ilgiornale.it