Italiani poche vacanze

Estate 2009, in Italia crolla il turismo
Soltanto il 43,3% della popolazione è andato in vacanza: giù il fatturato

ROMA

vacanze3Solo il 43,3% degli italiani, pari a 26 milioni di cittadini, è andato in vacanza. E il fatturato delle aziende del turismo, da oltre 20 miliardi nel 2008, si attesterà attorno a 16,5 miliardi nel 2009, con una perdita secca di oltre 3,5 miliardi. Sono i dati dell’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, resi noti da Adusbef e Federconsumatori, che tracciano un pre-consuntivo «disastroso» di come si sta concludendo la stagione turistica italiana.

Quest’anno – rilevano le associazioni – ogni italiano, dai circa 900 euro spesi per la vacanza nel 2008, ha ridotto la propria spesa per tale voce di circa 200 euro, portandola a circa 700 euro. Il calo delle presenze complessivo tra italiani e stranieri si attesta attorno a un -7%. Inoltre, si confermano nuove tendenze e metodologie di approccio al consumo turistico. e prende sempre più piede la vacanza ’mordi e fuggì, la vacanza low cost e gli inviti presso amici per risparmiare. «Questa situazione, che smentisce le rosee previsioni fatte da Ministri e Sottosegretari – dicono le associazioni – dimostra ancora una volta che le famiglie italiane vivono una situazione di grave crisi».

Secondo Adusbef e Federconsumatori sono «urgenti manovre a sostegno delle famiglie, a partire da una detassazione per il reddito fisso di lavoratori e pensionati di almeno 1200 euro annui, dalla restituzione del fiscal drag e da un’azione tesa alla riduzione di almeno il 15-20% dei prezzi. Inoltre è necessario un serio piano di promozione e rilancio del settore turistico».

da LA STAMPA