Inaugurazione del Museo Gucci a Firenze

Apre il Museo Gucci e mostra la sua storia
Il pubblico potrà visitarlo da mercoledì 28 settembre. Oggi l’inaugurazione con attesi vip e personaggi dello spettacolo. In esposizione le meraviglie della maison fiorentina

Un Museo a tre piani in cui si riassume tutta la storia della maison fiorentina. Dalle prime produzioni degli anni ’30 ai vestiti indossati dalle star. Aprirà al pubblico mercoledì il museo di Gucci in occasioni dei novanta anni della casa di moda nata da un artigiano fiorentino nel 1921. Ma l’inaugurazione del museo, nel Palazzo della Mercanzia in piazza della Signoria è prevista per stasera con una grande festa a cui parteciperanno vip del jet set come Charlotte Casiraghi, artisti come Bill Viola e personaggi del cinema come Luca Argentero, Carolina Crescentini, Violante Placito. E Camille Belle il cui abito, quello indossato a Cannes e disegnato da Frida Giannini, sarà esposto nel museo. Ci sarà un cockatali e poi la cena, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio dove sono stati allestiti 8 tavoli da 32 persone.

Guarda il museo

1700 metri quadrati, tre piani in cui passrà tutta la storia Gucci, fin dalle prime collezioni dedicate al mondo del viaggio con la prima icona (il diamante) poi sostituito dalle due G incrociate. Valigie con la classica striscia verde rosso verde, bauli, borse e abiti da sera. E la Cadillac fatta fare da Aldo Gucci nel 1979 e rivestita dai tessuti e dagli elementi iconici di Gucci.  E le valigie in canapa  rilanciate in edizione speciale da Frida Giannini in occasione dell’inaugurazione dei negozi di New York e Roma.

Sale dedicate, come la Flora, disegno inventato dal disegnatore di favole Vittorio Accornero nel 1966 con cui sono state arricchite porcellane, foulard e collezioni dedicate a Grace Kelly. E la sala evening con i vestiti da sera indossati da attrici famose, come quello di Hilary Swank con cui ha ritirato il premio Oscar 2011.  Gioielli, borse da sera e, al pianterreno un book store e un caffé aperti alla città indipendentemente dal museo. Il costo del biglietto per la visita sarà 6 euro, con metà incasso devoluto al Comune di Firenze per iniziative di salvaguardia del patrimonio artistico.

di ILARIA CIUTI e GERARDO ADINOLFI da repubblica.it

Leave a Reply