In Italia la vacanza più cara è a Capri poi Taormina e terza Viareggio

Viareggio, terza città più cara d’Italia
E’ quanto risulta dall’analisi sull’andamento dei prezzi degli alberghi di tutto il mondo stilata da Hotels.com

Se l’isola di Capri, nonostante un crollo dei prezzi del 18 per cento (dovuto principalmente a una campagna di sconti sulle prenotazioni effettuate in anticipo), rimane la destinazione piu’ costosa d’Italia (e del mondo per i viaggiatori che pagano in euro), con una media di 203 euro per camera a notte, l’isola è comunque in dolce compagnia: infatti è seguita da Taormina (140 euro), cresciuta del 6%, e da Viareggio, citta’ in cui i prezzi sono rimasti sostanzialmente stabili (-1%) rispetto al 2010 a 138 a notte.

Nella top 5 delle citta’ piu’ costose si trovano poi Stresa (-12% a 138) e Bolzano, che ha registrato un aumento del 7% arrivando a 135 per camera a notte.  Per Sardegna e Sicilia sono stati invece registrati cali percentuali dei prezzi a due cifre: nella prima, Alghero e Olbia hanno evidenziato rispettivamente -21 e -20% rispetto a un anno fa attestandosi a
112 e 103 euro, principalmente a causa degli sconti praticati dagli albergatori a seguito del calo delle prenotazioni dopo l’aumento dei prezzi dei trasporti marittimi; per la seconda svettano Agrigento e Giardini-Naxos, in frenata dell’11%, mentre Palermo e Cefalu’ hanno subito un calo dei prezzi del 7%.

Il Lago di Garda e’ tornato a essere meta di turisti italiani e stranieri, soprattutto tedeschi, e ha registrato aumenti rilevanti nei prezzi degli hotel: secondo lo studio Limone sul Garda è stata la località che ha segnato il più forte incremento dei prezzi in Italia (+21%), arrivando a una media di 131 euro per camera a notte. Aumenti anche a Sirmione, dove i prezzi sono saliti del 12% (115) e a Riva del Garda (123), che ha registrato un +8%.

da lanazione.it

Leave a Reply