Il portale di Paesionline

Paesionline interviene al Convegno intitolato “Immigrazione ed integrazione” promosso dall’AEREC, Accademia Europea per le Relazioni Economiche e Culturali, presso la Sala delle Colonne di Palazzo Marini.

paesionlineRoma – Tra i numerosi interventi del mondo istituzionale e imprenditoriale italiano e romeno, tra i quali spiccano i nomi di Rusu Razvan, Ambasciatore della Repubblica di Romania, presso il Quirinale, Ion Iliescu Presidente Emerito della Repubblica di Romania e Ramona Badescu, Delegata del Sindaco di Roma Alemanno alle problematiche della comunità romena, anche Paesionline, che ha presentato il proprio progetto web, che ormai da dieci anni promuove e descrive il territorio italiano ed estero, la cultura, le tradizioni, i prodotti e tutte le bellezze naturali che il nostro territorio possiede.
Durante il convegno si è affrontato il tema tanto attuale in questi ultimi anni dell’integrazione degli immigrati nel nostro Paese e Emiliano D’Andrea, amministratore delegato di Paesionline, ha illustrato l’esperienza del miglior portale italiano dedicato al turismo via web come una possibilità per conciliare culture, religioni e tradizioni diverse nell’epoca delle frontiere aperte e della globalizzazione, evitando le conflittualità e allo stesso tempo difendendo i principi di identità e di appartenenza.

“I temi dell’integrazione e dell’immigrazione – ha esordito D’Andrea – possono trovare nel web un valido alleato e strumento per diffondere la cultura degli altri paesi e per un’integrazione globale nella società. Le attività di informazione e comunicazione che caratterizzano il mondo di internet, infatti, possono consentire a tutti di approfondire l’argomento e la cultura che ogni popolo porta con sé nei processi migratori e inoltre può essere utilizzato come valido strumento per le persone di stati e tradizioni differenti tra loro per comunicare”.

“Gli immigrati in Italia – ha continuato l’amministratore delegato – possono trovare un supporto per scoprire l’Italia, ad esempio, proprio nel portali da noi realizzati, Paesionline e PlacesOnline. Infatti ogni Comune italiano trova all’interno del sito uno spazio dedicato che descrive le usanze, le feste e le sagre che caratterizzano la cultura e le tradizioni locali, così come la cucina e le bellezze artistiche. Ma gli italiani stessi possono trovare all’interno dei siti tutte quelle informazioni necessarie per scoprire loro stessi le usanze e tradizioni che uno straniero porta con sé dal suo paese d’origine”.
Il mondo virtuale permette quindi un approccio e un metodo utile e veloce anche per una maggiore integrazione tra i popoli, favorita anche dal fatto che gli stessi utenti, all’interno del sito Paesionline, possono dialogare direttamente con altri utenti, consigliare una località, descrivere una propria esperienza come in un vero e proprio social network. “Ed è grazie a questo strumento – conclude D’Andrea – che si possono aprire anche focus di discussione specifici dove poter valorizzare e diffondere la cultura dei paesi come Romania, l’Ucraina la Moldavia, che sono particolarmente interessati dal processo migratorio verso il nostro Paese”.

da COMUNICATI-STAMPA.NET

Leave a Reply