Il Palio di Asti 2011

Storia, passione e colori, è il palio di Asti
1.200 figuranti in costume medievale per 21 cavalli

Milleduecento figuranti in costume medievale per ventuno cavalli alla partenza. Cene propiziatrici, riti scaramantici, scherzi, sfottò, tifo indiavolato, passione, colori. E’ il Palio di Asti, che si corre da tempo immemorabile e che per tradizione, spettacolo e coinvolgimento ha poco o nulla da invidiare a quello di Siena. L’appuntamento, quest’anno, è per il 18 settembre ma, come di consueto, nei giorni precedenti non mancheranno le tante iniziative che permettono di calarsi nel clima della manifestazione, dal Palio degli sbandieratori al mercatino di piazza San Secondo.

La storia della corsa astigiana affonda le radici nel Medioevo. La prima notizia certa di un “Palio” risale al 1275, anno in cui, come riporta il cronista locale Guglielmo Ventura, gli astigiani, in segno di sfregio, orchestrarono una scorribanda di cavalli sotto le mura di Alba, che all’epoca era il nemico numero uno; la rivalità fra i due centri piemontesi, sia pure con connotati diversi, si è mantenuta nel tempo, tanto che ancora oggi Alba (Cuneo) ospita un “Palio degli Asini” che odora apertamente di dileggio. Asti, nel XIII secolo, era una città di fantini e di combattenti. Un altro cronista, Ogerio Alfieri, antenato di Vittorio, riferisce che nel 1280 Asti poteva contare su “seicento cavalieri dotati di due cavalli”, e che il contado, di cavalieri, poteva fornirne centosessanta.

Il Palio fece presto ad attecchire: basti pensare che nel 1389 Gian Galeazzo Visconti, fresco Signore di Asti, decretò che la corsa doveva svolgersi secondo le “antiche consuetudini”. Oggi il premio per chi vince la gara astigiana è il “Palio”, un grande drappo di velluto cremisi con le insegne della città e la raffigurazione del patrono, San Secondo. Quello del 2011 è stato preparato da Antonio Guarene, architetto, scenografo, disegnatore satirico, naturalmente originario di Asti e nominato, per l’occasione, “Maestro del Palio”.

da Ansa.it

Leave a Reply