Il Carnevale di Fano del 2011

Fano (Pesaro Urbino), – Il Carnevale 2011 si annuncia ricco come non mai di novità che trasformeranno la città in un vero e proprio contenitore di eventi, non solo nelle domeniche delle sfilate dei carri allegorici (20 e 27 febbraio, 6 marzo), ma anche durante le settimane che si troveranno a cavallo dei corsi mascherati.

Sicuramente le novità più attese sono i quattro nuovissimi carri che sfileranno lungo viale Gramsci: ‘Made in Italy’ di Paolo Furlani, ‘Profezia Maya’ di Ruben Mariotti e Matteo Angherà, ‘Tecnologie Carnevalesche’ di Daniele Mancini Palamoni e ‘Sveglia è ora del Carnevale’ di Giorgio Bargnesi.

Al professore Luigi Piccinetti, invece, il compito di realizzare una mascherata dal titolo ‘La cicala e la formica’, in collaborazione con il gruppo ‘Gommapiuma x caso’ e ‘Amici di Rosciano insieme’, formata addirittura da 80 pezzi e cinque carri piccoli. Altre mascherate verranno realizzate dal ‘Laboratorio geniale’ e dal club ‘Non solo donna’.

Quest’anno faranno poi ritorno al Carnevale di Fano i prodotti della Perugina e in particolare i classici Baci che per tanti anni sono stati il simbolo della manifestazione. Baci e dolciumi di ogni genere saranno lanciati a quintali sulla folla durante i corsi mascherati della domenica.

Un’altra significativa novità è rappresentata dal legame tra Carnevale e centro storico. Ogni corso mascherato inizierà e terminerà in piazza XX Settembre e le varie mascherate raggiungeranno viale Gramsci attraversando le principali vie del centro. Sempre in centro storico sarà allestita la Cittadella del cioccolato (da giovedì 24 febbraio a domenica 27 febbraio) con ben 25 stand in cui sarà possibile trovare goloserie di ogni tipo e perfino una vera e propria statua di cioccolato. Nella prima e terza domenica di Carnevale (20 febbraio e 6 marzo) la piazza ospiterà invece il Villaggio delle tipicità dove faranno bella mostra i prodotti tipici degli agricoltori associati alla Cia e alla Coldiretti.

Ci sarà poi una serata davvero unica nel suo genere, ‘La notte del bacio più grande’ (5 marzo) in cui tutti i partecipanti riceveranno una maschera per potersi divertire, solo per una notte, senza preoccuparsi del giudizio degli altri in puro stile carnascialesco. Sarà una festa che interesserà anche gli esercenti del centro che proporranno menu a tema, bevande studiate per l’occasione e banchetti di ogni genere per intrattenere grandi e piccini senza distinzioni di età. Il tutto caratterizzato da musica, balli e spettacoli vari ed il pubblico verrà coinvolto anche in una simpatica gara al ‘bacio più grande’.

Dal 12 febbraio al 13 marzo invece verrà realizzata, per la prima volta nella nostra città, una pista di pattinaggio sul ghiaccio. Una occasione unica per tutti gli amanti di questa elegante disciplina, per calzare gli appositi scarpini con lama e per cimentarsi con piroette, flip e acrobazie per tutti i gusti. Nel palatenda, che prenderà il nome di Pala Arka Eventi, che verrà posizionato nel lungomare di Sassonia andranno in scena iniziative di ogni genere come convegni, concerti, ricevimenti.

Come ogni carnevale che si rispetti anche quello di Fano avrà la sua lotteria ma questa volta sarà tutta fanese e metterà in palio ricchissimi premi per ognuna delle tre estrazioni che saranno abbinate alle domeniche del Carnevale (20 e 27 febbraio, 6 marzo). Il biglietto costerà 2,50 euro e sarà venduto da alcune associazioni del territorio. Il ricavato verrà diviso tra associazioni e Carnevalesca mentre una parte sarà destinata alla mensa dei poveri di San Paterniano e all’assessorato ai Servizi Sociali del Comune che la utilizzerà per aiutare le famiglie in difficoltà.

Non poteva mancare anche quest’anno il gran galà in maschera a teatro (il 19 febbraio). Un evento giunto alla sua quarta edizione capace di coniugare il divertimento offerto dagli spettacoli con la squisita cena che sarà servita nei palchi. La manifestazione non ha lasciato nulla al caso visto che è previsto anche un raduno per camperisti e motociclisti.

Carnevale, la Regione:
“Eccellenza turistica”
Da quest’anno aumentano gli investimenti sulla manifestazione, non solo economicamente ma con una grande promozione, anche all’estero

Fano (Pesaro Urbino), 13 gennaio 2011 – La Regione ha deciso di puntare molto su eventi e turismo e il Carnevale di Fano ha tutte le carte in regola per essere considerato una delle iniziative di punta delle Marche. La manifestazione è riuscita ad ottenere dalla Regione un importante contributo economico, ben 55.000 euro, che verrà utilizzato non solo per l’organizzazione ma anche per la promozione del carnevale in Italia e all’estero. Già da alcuni mesi infatti il carnevale viene promosso nelle più importanti fiere italiane e da alcuni giorni materiale pubblicitario ha superato i confini nazionali facendo tappa, ad esempio, negli aeroporti più importanti di Europa come quello di Monaco

L’assessore al Turismo della Regione Marche Serenella Moroder sottolinea: “Il Carnevale di Fano rappresenta per le Marche una vera e propria eccellenza turistico-culturale, poiché è una manifestazione storica tra le più suggestive e vanta una tradizione secolare, che ha fatto da apripista ad analoghe iniziative. I carri allegorici, opera di maestri carristi esperti nel modellare la cartapesta, sono fra i più geniali ed originali della produzione carnevalesca italiana; non meraviglia quindi la presenza a Fano, ogni anno, di migliaia di spettatori che ci auguriamo siano ancora più numerosi per l’edizione del 2011. Nonostante il periodo economico particolarmente sfavorevole, che vede una pesantissima restrizione dei bilanci degli enti pubblici, la Regione Marche ha scelto di investire in maniera consistente nella valorizzazione di questa importante manifestazione, proprio perché si ritiene che il rilancio dell’economia del territorio si basi sul concreto sostegno delle peculiarità storiche e tradizionali della regione, che possano poi innescare processi virtuosi di sviluppo per tutta la comunità. Il turista-visitatore, inoltre, potrà cogliere la gioiosa occasione per scoprire il territorio regionale in tutte le sue attrattive culturali, artistiche ed eno-gastronomiche”.

Il sindaco di Fano Stefano Aguzzi: “Riteniamo che il Carnevale, al pari di altri eventi che vengono organizzati in città come ad esempio la Fano di Cesari, sia fondamentale non solo per offrire occasioni di divertimento ai nostri cittadini ma anche per promuovere l’immagine del nostro territorio. Ecco perché questa rinnovata collaborazione con la Regione Marche è particolarmente strategica e sono certo che porterà benefici in termini turistici-economici”.

“Il Carnevale di quest’anno deve puntare alla qualità e ad un utile e proficuo rapporto tra pubblico e privato – ha commentato l’assessore al Turismo, Eventi e Manifestazioni di Fano Alberto Santorelli – Allo stesso tempo deve essere un’occasione di rilancio per l’economia cittadina, dando impulso al turismo e al commercio, settori che possono produrre incremento occupazionale. Il Ccmune di Fano crede molto in questa manifestazione e l’apporto che la Regione ha deciso di garantirci da quest’anno permetterà di organizzare un evento ancor più interessante. È importante sottolineare che i proventi della manifestazione verranno destinati al settore Servizi Sociali per la costituzione di incentivi sociali”.

Per il presidente dell’Ente Carnevalesca, Luciano Cecchini, questa è una edizione molto importante: “Ci saranno quattro carri nuovi, nuove mascherate e tante iniziative collaterali. Sapere che la Regione ha deciso di scommettere come non mai su questo evento ci responsabilizza ancora di più e al tempo stesso ci inietta una dose di grande entusiasmo che stiamo riversando nell’organizzazione della manifestazione”.

Soddisfatto anche il presidente dell’Ente Manifestazioni Simone Spinaci aggiunge: “Da sempre il nostro Carnevale attira turisti da tutta Italia. Grazie allo sforzo economico del Comune di Fano e a quello della Regione Marche, contiamo di riuscire a fare di questa manifestazione il fiore all’occhiello degli eventi marchigiani”.

DA ILRESTODELCARLINO.IT

One thought on “Il Carnevale di Fano del 2011

Leave a Reply