Il Carnevale di Cento 2011

Cento (FE), la cucina e il Carnevale

Cento, città conosciuta per il suo Carnevale, è anche da apprezzare per i suoi piatti e in genere per la sua gastronomia. Per questa deve dire grazie a tre città emiliane: Bologna (tortellini, tortelloni di ricotta, nocino), Modena (cotechino, salame alla brace, zampone, lambnisco) e Ferrara (pane, lumache, salama da sugo, tortelloni di zucca, torta di tagliatelle). La collocazione geografica di frontiera di Cento, situata appunto tra le province di Ferrara, Bologna e Ravenna,  ha favorito la vocazione alla contaminazione di piatti e ricette ripresi, rielaborati o direttamente creati ex novo. La regina della cucina povera centese è la sfoglia. Fatta con farina, uova e… “mani a calore equilibrato”, la sfoglia diventa anche il simbolo dell’elevazione delle ricette della tradizione contadina a piatti ricchi ed elaborati, grazie alla rivisitazione che ne fecero nel Rinascimento i cuochi della corte estense o dei nobili bolognesi.
Se la pasta fatta a mano è la regina, l’indiscusso re della tavola a Cento è il maiale, con cui, oltre al ripieno dei tortellini, si prepara ogni tipo d’insaccato (cotechino, porchetta, salame alla brace, zampone, salama da sugo). Sospesa fra ricchi e corposi primi piatti e saporitissimi secondi di carne. Ottimi sono anche i vini rossi, quelli dei Colli bolognesi e del Bosco eliceo, il Lambnisco e il Sangiovese, ma un pasto che si rispetti si conclude sempre con un vero liquore, il nocino, che ancora oggi viene fatto in casa con i gherigli delle noci verdi che si colgono il 24 giugno, giorno di San Giovanni. Per assaggiare tutto questo ben di Dio, basta solo recarsi in uno dei tanti locali tipici oppure presso le osterie centesi, che ripropongono fedelmente le prelibatezze emiliane. Nei mesi estivi invece sono ben 14 le sagre allestite nel territorio che presentano tutte queste specialità. Dal 17 gennaio poi il grande spettacolo dell’apertura del Carnevale, quando in piazza, tra le grida dei bambinbi in festa, si accenderà il Befanone. Tutte le domeniche di Carnevale si svolgerà, a partire dal 13 febbraio 2011, un’niziativa dedicata agli amanti del turismo all’aria aperta. Infatti ogni weekend di Carnevale giungeranno nel territorio centese migliaia di camperisti provenienti dall’Italia e dall’estero; al momento dell’iscrizione verrà consegnata la ricca shopper di benvenuto contenente i prodotti delle Aziende aderenti all’iniziativa Sapori senza Maschera; costo dell’entrata ridotto camperisti 11,00 euro (anziché 15,00 euro ) presso l’area di accoglienza camper nel p.zzale F.lli Govoni di Cento. Quest’anno un’importante Partnership con la rivista Plein Air permette di disporre di allettanti sconti e agevolazioni a chi è in possesso della tessera Club Plein Air.
Ma le novità per il 2011 non finiscono qui. Torneo di scacchi, selezioni di Miss Italia Torneo di Burraco e tante altre iniziative allieteranno i turisti e i residenti dal 13 febbraio al 13 marzo 2011.