I bagni di fieno

Fai un “fieno” per l’inverno
Un tuffo in oltre 40 tipi di piante diverse, i cuscini di fiori secchi dell’Abate Kneipp e il peeling col sale rosa di montagna. Ecco i trattamenti di bellezza delle spa altoatesine per affrontare la brutta stagione

Tra i bagni nel mosto, i massaggi ayurvedici e quelli col miele, il bagno di fieno potrebbe sembrare una delle tante mode (magari passeggere) che arricchiscono i menu delle beauty farm. In realtà, il primo bagno di fieno è documentato alla fine del XIX secolo e la tradizione dei contadini altoatesini di dormire, dopo la falciatura e a duemila metri d’altitudine, sui cumuli di fieno, risvegliandosi la mattina dopo riposati e carichi d’energia, affonda nella notte dei tempi. Così, ancora una volta, dalla tradizione popolare ci arriva un toccasana dalle mille virtù. I bagni nel fieno, infatti, rafforzano il sistema immunitario e hanno un effetto defatigante e rilassante, eliminano le tossine e dando sollievo a chi soffre di reumatismi.

Il segreto sta tutto nel cumarino, sostanza profumata sprigionata dal fieno che, insieme agli oli eterici (come le sostanze tanniche, gli acidi lattici, la provitamina A e la vitamina D) conferisce effetti curativi. L’arnica, la camomilla, la veronica, la calendula e la genziana contenute nel fieno di montagna, durante il bagno penetrano nella pelle, grazie all’elevata temperatura del trattamento, consentendo ai principi attivi di agire nel modo più incisivo possibile.

I tuffi nel fieno si possono fare un po’ in tutto l’Alto Adige. Al Theiner’s Garten di Gargazzone, nei dintorni di Merano (tel. 0437.49.08.80, www.theinersgarten.it, una notte con trattamento di mezza pensione parte da 110 €), si entra nella vasca di vapore, mentre si fanno impacchi coi bendaggi. Il fieno, raccolto sopra i 1700 metri, è tenuto allo stato naturale e contiene almeno 40 piante diverse. Il mix naturale attenua i dolori articolari e alla schiena e purifica il corpo (costo 45 €, che diventano 75 con massaggio parziale e 95 con massaggio integrale). Si dice inoltre che l’abate Kneipp usasse curare diversi disturbi con l’applicazione di bendaggi freddi e compresse calde. Ecco che il cuscino riscaldato di fiori di fieno (53 €) è consigliato in caso di tensioni, coliche, sciatalgia e reumatismi.

Piaceri di paglia

Al Garberhof Beauty & Wellness Resort della Val Venosta (tel. 0473.83.13.99, www.garberhof.com, mezza pensione a partire da 126 €) si fa il tradizionale bagno di fieno umido, portato alla temperatura di 42 gradi, con effetto rilassante e rivitalizzante sui muscoli. Il delicato calore dell’impacco di fieno e gli aromi liberati attivano il metabolismo e depurano l’organismo (46 €), mentre il peeling al fieno alpine healthcare, arricchito con puro sale rosa di montagna, purifica la pelle in profondità, stimola la sua rigenerazione, rendendola più liscia e luminosa (38 €). Per eliminare invece le tossine, sciogliere le contratture e le tensioni, il Golf & Spa Resort Andreus in Val Passiria (tel. 0473.491330, www.andreus.it, mezza pensione da 101 €), propone l’impacco ai fiori di fieno con bendaggio sul fegato (48 €).

Un fieno speciale, quello colto sulle Dolomiti di Valdaora, viene impiegato nel bagno vitalis del Belvita Hotel Mirabell di Valdaora (tel. 0474.49.61.91, www.mirabell.it, mezza pensione da 101 €): al bagno di vapore segue uno schema ben preciso che dura un’ora e mezza (compresa la pausa di riposo). Si comincia con una tazza di tisana alle erbe per migliorare il funzionamento renale. Segue il pediluvio caldo e freddo con il metodo Kneipp per stimolare la circolazione e, di riflesso, per una migliore irrorazione delle mucose. Poi doccia con lo speciale gel doccia preparato secondo i principi ayurvedici e bagno di 15/20 minuti nella vasca a vapore, avvolti in un telo di cotone naturale. Si termina il rituale con un massaggio alla nuca e alle spalle di 15 minuti e 30/45 minuti di “reazione” e relax (costo: 57 €).

Imperdibile il bagno Alpin al fieno profumato dell’Alpin Garden Wellness Resort di Ortisei (tel. 0471.79.60.21, www.alpingarden.com, mezza pensione da 135 €): il calore del fieno soffice scorre nel corpo e lo rinvigorisce, donandogli una piacevole sensazione di leggerezza (43 € per 40 minuti e 61 € per 1 ora di trattamento). Bagno di fieno nell’acqua in una tinozza di legno oppure a secco (cioè sul letto ad acqua e ricoperti di fieno caldo) è quanto propone il Romantik Hotel Turm di Fiè allo Sciliar (te. 0471.72.50.14, www.romantikhotels.com/Voels, pernottamente e prima colazione da 87 €). I due trattamenti, che hanno gli stessi effetti rilassanti e anti-reumatismi, durano circa 20/25 minuti (33 € l’uno).

da corriere.it

Leave a Reply