Categorie
economia trasporti ultime notizie

Gli Italiani ed i voli low cost

TRASPORTO AEREO, LA METÀ DEGLI ITALIANI SCEGLIE DI VIAGGIARE CON VOLI LOW COST

Nonostante la crisi non si rinuncia a viaggiare, ma le abitudini cambiano, e si scelgono i modi più economici. Nel 2011 per il complesso delle compagnie aeree, italiane e straniere, la percentuale di passeggeri che utilizza voli low cost è pari al 46%, ma scende al 28% se si considerano solo le linee aeree italiane (meno due punti rispetto al 2010).

Lo rileva l’Istat nel report sul trasporto aereo in Italia. Quindi se si guarda alla ripartizione del mercato italiano tra compagnie aree tradizionali e low cost, nel totale risulta che a fronte del 46% dei passeggeri trasportati su voli low cost c’è un 54% che usa i vettori tradizionali. Mentre, focalizzando l’analisi solo sulle linee italiane, per un 28% che ricorre a voli low cost c’è un 72% che preferisce le compagnie aree tradizionali.

Inoltre l’Istat fa notare come per il complesso delle compagnie aeree, italiane e straniere, tra il 2003 e il 2011, la quota dei passeggeri trasportati su voli low cost sia raddoppiata, passando dal 23% al 46%.

Le principali destinazioni dei voli low cost effettuati da vettori italiani sono Sharm El Sheikh Ophira (273 mila passeggeri), Marsa Alam (169 mila) e Londra Gatwick (122 mila). Spostando l’attenzione dal low cost al traffico aereo in generale, nel 2011, i principali paesi di origine/destinazione internazionale per i vettori italiani sono Spagna (poco più di 1,8 milioni di passeggeri), Francia (circa 1,4 milioni) e Grecia (1,1 milioni).

I maggiori incrementi di passeggeri si rilevano verso Spagna (+239 mila unità), Paesi Bassi (+140 mila) e Russia (+105 mila), mentre la diminuzione più ampia in valore assoluto, rispetto all’anno precedente, si registra per l’Egitto (-755 mila passeggeri). Quanto alle rotte nazionali, per il secondo anno consecutivo Catania-Roma Fiumicino e Roma Fiumicino-Catania superano Milano Linate-Roma Fiumicino e Roma Fiumicino-Milano Linate.

da leggo.it

Rispondi