Giugno 2013 : scosse di terremoto nel Veronese, nel Modenese e nel Reggiano

Ancora scosse di terremoto: dopo Verona la terra trema nel Modenese e nel Reggiano
La terra ha tremato cinque volte dall’una nel Modenese e nel Reggiano. La scossa più forte, 3,5 Richter, si è registrata alle 12,51.Montefiorino, Palagano, Prignano e Polinago: ecco la zona degli epicentri dei  terremoti.

terremoti_sismografoLa terra ha tremato cinque volte dall’una nel Modenese e nel Reggiano. La scossa più forte, 3,5 Richter, si è registrata alle 12,51.Montefiorino, Palagano, Prignano e Polinago: ecco la zona degli epicentri dei  terremoti.

La scossa più potente è delle 12,51 con magnitudo 3,5 a 27 chilometri di profondità. Il 2,8 delle 13,03 ha invece avuto profondità 34,7 chilometri. Le altre due scosse sono di magnitudo 2 e 2,4 entrambe con epicenti piuttosto profondi. Non si sono registrati finora danni e nessun cittadino ha allertato i vigili del fuoco e le squadre di emergenza.

Ieri sera invece scossa di terremoto  a Verona, dove la terra ha tremato poco dopo le 22.30 con una magnitudo 3 della scala Richter. L’epicentro è stato individuato tra Cerro e Boscochiesanuova, a una profondità di dieci chilometri. Queste le informazioni diffuse dall’Istituto nazionale di geologia e vulcanologia (Ingv) di Roma che controlla minuto per minuto tutto il territorio italiano.

Non si segnalano danni a cose e persone, ma la scossa è stata avvertita ed ha alimentato la paura. La notizia è subito rimbalzata sui social network. Telefonate dei cittadini ai  vigili del fuoco, ma soltanto per essere rassicurati sull’entità della scossa.

Secondo i rilevamenti dell’Ingv, il sisma ha avuto ipocentro a 10 chilometri di profondità ed epicentro in prossimità dei comuni di Bosco Chiesanuova, Cerro Veronese, Fumane, Grezzana, Marano di Valpolicella, Negrar, Rovere Veronese, San Pietro in Cariano e Sant’Anna d’Alfaedo. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose.

da gazzettadimantova.gelocal.it

Leave a Reply