Giappone esplosione alla centrale nucleare di Fukushima i video

È stata confermata la temuta fuga radioattiva dalla centrale nucleare di Fukushima, a 250 chilometri da Tokyo. Il giorno dopo il terribile sisma di 8,9 gradi Richter il Giappone comincia la conta dei danni: 1700 morti accertati, decine di migliaia di dispersi e feriti. Si temono almeno duemila vittime. Tra le persone che mancano all’appello, anche alcuni italiani che la Farnesina ancora non è riuscita a contattare. Tre persone sarebbero state già contaminare dai gas radioattivi sprigionati in seguito all’esplosione di uno dei reattori nucleari di Fukushima: le tre persone, secondo fonti locali, sono state trasportate in ospedale per accertamenti. La tv di Stato intanto ha diramato un ordine di servizio vietando ai cittadini delle zone limitrofe a Fukushima di uscire all’aperto, bere l’acqua del rubinetto e consigliando a tutti di coprire il corpo e il viso con asciugamani bagnati. Esperti del Cnr italiano hanno comunque precisato che non è stata un’esplosione nucleare, ma un’esplosione dovuta alla pressione interna: le radioazioni fuoriuscite sono quindi portatrici e non sorgenti di radiazioni, perchè i gas sono stati rilasciati nell’aria per abbassare il livello di pressione interna al reattore.

FUKUSHIMA, DIMINUITO LIVELLO DI RADIAZIONI
Il livello di radioattività attorno alla centrale nucleare giapponese di Fukushima è diminuito nelle ultime ore. Lo ha reso noto stasera l’Aiea, l’Agenzia dell’Onu per l’energia atomica, dopo avere ricevuto una comunicazione dalle autorità di Tokyo

da leggo.it

Leave a Reply