Categorie
Italia mare Puglia società

Gallipoli sesso in spiaggia video i cittadini in rivolta

gallipoli sesso in spiaggiaSesso in spiaggia a Gallipoli, il video a luci rosse in rete. Rabbia dei residenti
La città salentina come Barcellona: i cittadini in rivolta contro i turisti maleducati
Nei giorni scorsi episodi di turismo senza regole anche a Venezia

Sesso in spiaggia a Gallipoli e il video a luci rosse finisce in rete scatenando la rabbia dei cittadini della località turistica pugliese. Nel filmato un ragazzo e una ragazza sono stati ripresi mentre praticano sesso orale sulla spiaggia della Purità, in pieno centro cittadino. Il video, girato con un telefonino, è stato postato sulla pagina Facebook del neonato Comitato cittadino di liberazione Gallipoli, creato da un gruppo di gallipolini esasperati da quello che definiscono turismo «maleducato» che porta disordine e caos nella località pugliese. Il filmato, che dura poco più di un minuto, è stato poi rimosso dai responsabile della pagina Facebook perché ritenuto «troppo offensivo e oltraggioso nei confronti della città», ma continua comunque a circolare in rete tra commenti indignati.

Come a Barcellona, cittadini esasperati
Sulla pagina Facebook del comitato cittadino sono state caricate numerose foto per denunciare l’invasione di migliaia di turisti maleducati che vomitano per strada, dormono sui marciapiedi o negli accessi privati. Giovedì scorso oltre 300 persone hanno manifestato, in concomitanza con la seduta del Consiglio comunale, per protestare contro il governo cittadino considerato responsabile di aver permesso il degrado registrato in città. Gallipoli come Barcellona dunque: anche nella città spagnola molti residenti hanno manifestato contro il «turismo cafone» che disturba la città sempre più spesso invasa da turisti ubriachi, molesti e a volte addirittura nudi, come il caso di tre italiani senza nulla indosso in pieno giorno nella città catalana, immortalati in una foto che è finita sui siti internet di mezzo mondo.
Sesso in piazza anche a Venezia
E quest’estate anche Venezia ha avuto i suoi episodi di degrado: ci sono stati casi di turisti che hanno dato scandalo: sesso in pubblico, ma anche pipì nei cestini pubblici e qualcuno che ha deciso di lavarsi nel Canal Grande.

da corriere.it

Rispondi