Il Festival del Camminare al Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano

Festival del Camminare. Alla scoperta di Capraia e dell’Arcipelago Toscano

L’Arcipelago Toscano è la più estesa area protetta dei mari europei con 56.800 ettari di mare e 18.000 ettari di terra caratterizzati da una grandissima varietà di habitat naturali popolati da svariate forme di vita. Il parco comprende sette isole e alcuni isolotti minori e scogli nei mari dei quali si possono avvistare i delfini e le balene del Santuario di Cetacei.

Capraia, l’Elba, l’isola del Giglio, Giannutri, Pianosa, Montecristo sono solo alcune perle di una preziosa collana, di uno scrigno di storia, natura, tradizione. Dal 6 aprile al 6 maggio il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano propone una serie di iniziative per dare la possibilità di scoprire luoghi unici e tanto diversi l’uno dall’altro. L’iniziativa si chiama Festival del Camminare e comprende passeggiate diurne e notturne, percorsi nell’archeologia mineraria, caprili e vie del granito, laboratori per bambini, corsi di erboristeria e molto altro. Il Festival del Camminare è l’ideale per chi ama la fotografia ma anche la pittura o l’arte in generale considerata la varietà di ambienti naturali e scorci mozzafiato che le isole offrono. Tutti gli itinerari in programma si avvalgono di guide esperte che condurranno i partecipanti ala scoperta dei segreti dell’arcipelago.

Quest’ultimo include, come si diceva, sette isole di formazione geologica molto diversa: Capraia è caratterizzata da un paesaggio e una formazione vulcanica, il Giglio e l’Elba sono isole prevalentemente granitiche. Tutte le isole e gli isolotti hanno rappresentato una importante area di rifugio e di collegamento tra il sistema sardo-corso e la penisola. Per quanto riguarda la fauna sono presenti colonie di uccelli marini, berte e gabbiani, tra i quali il gabbiano corso, specie endemica del Mediterraneo e presente in Italia in pochissime località. Sono avvistabili delfini, balenottere e anche la foca monaca. I mammiferi terrestri sono quelli tipici dell’ambiente mediterraneo con la rilevante presenza della martora e del coniglio selvatico. Estinto fin dall’inizio dell’Ottocento il cinghiale maremmano è stato reintrodotto trent’anni fa circa.

Il Festival, inaugurato il 6 aprile, proseguirà domenica 15 aprile con una passeggiata per raggiungere una delle più belle e suggestive cale dell’isola di Capraia. Domenica 22 aprile è la volta della festa del gusto con il Festival dei Sapori dell’Arcipelago Toscano organizzato in collaborazione con Slow Food. Il festival si svolgerà nella piazza di Capraia e durante la sagra si potranno degustare i prodotti tipici dell’arcipelago mentre i ristoranti prepareranno i piatti caratteristici della cucina isolana accompagnati da liquori di mirto e marmellate. Dall’isola d’Elba arriveranno il pane, l’olio, i vini e la schiacci Briaca, da Gorgona i formaggi. Nella stessa giornata è prevista l’escursione lungo il sentiero del Reganico sistemato recentemente con un orto botanico dove si possono osservare tute le specie caratteristiche della macchia mediterranea e caratterizzato dalla presenza di muretti a secco che testimoniano della passata attività agricola dei capraiesi.

Sabato 21 aprile in programma c’è l’escursione allo Stagnone a Monte le Penne lungo l’antica mulattiera che conduce al Semaforo, un tempo utilizzato come punto d’avvistamento della Marina Militare. Si raggiungerà l’unico laghetto naturale dell’intero arcipelago. Al rientro si passa per la colonia penale. Mercoledì 25 aprile i pescatori della Capraia insegnano a pulire e sfilettare il pesce. L’itinerario parte dalla Chiesetta del Porto per raggiungere, dopo una passeggiata di circa 2 km, l’ex Colonia Penale Agricola, una azienda ancora attiva (ma oggi senza detenuti) che si affaccia sulla Cala di Portovecchio. I prodotti dell’azienda sono miele, liquori e confetture, una piccola produzione di alta qualità realizzata con metodi artigianali e senza l’uso di conservanti.

Domenica 29 aprile è dedicata a un programma di musicoterapia tra i profumi e i colori dell’isola. Sabato 5 maggio si fa merenda nell’azienda vitivinicola “la Piana” mentre domenica 6 maggio si conclude con l’escursione allo Stagnone accompagnati dagli esperti che hanno elaborato il progetto di recupero della zona.

da bed-and-breakfast.it

0 Comments

Leave A Reply





Back To Top